Produzione petrolifera globale: i primi 10 paesi del mondo

Durante uno dei peggiori anni della storia del petrolio, ecco quali sono stati i paesi protagonisti della produzione globale.

Produzione petrolifera globale: i primi 10 paesi del mondo

Quasi superfluo dirlo, ma la domanda di petrolio è influenzata in modo significativo dal COVID-19, poiché l’attività commerciale, i viaggi e la vita quotidiana continuano ad essere limitati. Nel 2020, la pandemia e la guerra dei prezzi tra Arabia Saudita e Russia, hanno trascinato i prezzi in una spirale al ribasso.

In un mercato in eccesso di offerta e con una scarsa domanda, i prezzi sono diventati addirittura negativi. Tuttavia, premuti anche dagli Stati Uniti, la Russia e l’OPEC sono giunti a un accordo per tagliare la produzione di 9,7 milioni di barili al giorno, il più grande taglio di produzione nella storia. Da allora, i produttori hanno iniziato ad aumentare gradualmente la produzione, mentre nel 2021 la domanda di petrolio ha cominciato lentamente a riprendersi.

In questo contesto, i primi 10 paesi produttori di petrolio al mondo sono stati i seguenti (dati 2020 forniti dalla Energy Information Administration espressi in bpd, cioè barili al giorno).

STATI UNITI (produzione: 18.600.000 bpd)

Anche se la produzione degli Stati Uniti è diminuita rispetto al 2019, il paese si conferma il più grande produttore di petrolio del mondo. Inoltre, gli Stati Uniti sono un grande consumatore e l’anno scorso hanno assorbito un totale di 6,63 miliardi di barili di prodotti petroliferi, una media di circa 18,12 milioni di barili al giorno.

ARABIA SAUDITA (produzione: 11.010.000 bpd)

L’Arabia Saudita possiede il 17 percento delle riserve mondiali accertate di petrolio ed è il più grande esportatore del mondo. Il settore petrolifero e del gas rappresenta circa il 50% del suo prodotto interno lordo e circa l’85% dei suoi proventi da esportazione.

RUSSIA (produzione: 10.500.000 bpd)

In base all’accordo dello scorso anno con i membri dell’OPEC, la Russia ha dovuto tagliare un quinto della sua produzione di petrolio (circa 2,5 milioni di barili al giorno), per far fronte all’eccesso di offerta sul mercato. Prima di questi tagli la produzione petrolifera russa era in aumento da diversi anni.

CANADA (produzione: 5.290.000 bpd)

La produzione annuale di petrolio del paese è scesa nel 2020 rispetto all’anno precedente, quando aveva prodotto 5.500.000 bpd. Quasi tutte le riserve petrolifere accertate del Canada si trovano in Alberta e sono per la maggior parte sotto forma di sabbie bituminose.

CINA (produzione: 4.930.000 bpd)

Tra i primi 10 paesi produttori di petrolio, la Cina è il paese più popoloso del mondo e ha un’economia in rapida crescita, tutti fattori che hanno guidato la sua elevata domanda energetica complessiva. Il paese asiatico è il principale consumatore di petrolio, con il 55% delle sue importazioni provenienti dai paesi membri dell’OPEC.

IRAQ (produzione: 4.160.000 bpd)

L’Iraq ha visto la sua produzione di petrolio diminuire in modo significativo, da 4.740.000 bpd nel 2019 a 4.160.000 bpd nel 2020. Detiene la quinta più grande riserva accertata di petrolio al mondo, con 145 miliardi di barili corrispondenti al 8,4 percento delle riserve globali.

EMIRATI ARABI UNITI (produzione: 3.790.000 bpd)

Leggera diminuzione della produzione per gli Emirati Arabi Uniti (-220.000 bpd). Il paese detiene l’ottava riserva di petrolio più grande al mondo con 98 miliardi di barili, concentrati nell’area di Abu Dhabi.

BRASILE (produzione: 3.780.000 bpd)

L’anno scorso, la produzione di petrolio del Brasile è aumentata leggermente (+102.000 bpd). Il paese è diventato anche un grande consumatore e, negli ultimi dieci anni, ha quasi raddoppiato il suo fabbisogno a causa della forte crescita economica.

IRAN (produzione: 2.810.000 bpd)

La produzione petrolifera iraniana è diminuita lo scorso anno, passando da 3.190.000 bpd nel 2019 a 2.810.000 bpd nel 2020. Infatti, le sanzioni statunitensi e le controversie regionali hanno pesato sul settore della produzione energetica iraniana. Il paese detiene inoltre la quarta più grande riserva accertata di petrolio al mondo e la seconda più grande riserva di gas naturale.

10º

KUWAIT (produzione: 2.660.000 bpd)

Produzione in discesa anche per il Kuwait, che ha raggiunto un minimo riferito a diversi anni. Il settore petrolifero e del gas del paese rappresenta circa il 60 percento del PIL e circa il 95 percento dei suoi ricavi da esportazioni.

METALLIRARI.COM © SOME RIGHTS RESERVED

*** I commenti sono per il momento disabilitati. Potete però commentare gli articoli sulle nostre pagine social su FACEBOOK e TWITTER ***