Le 5 compagnie petrolifere più grandi e potenti del mondo

La commodity più importante del mondo potrebbe essere alla vigilia di un lento ma inesorabile declino. In questo frangente, spiccano 5 multinazionali ancora grandi e potenti.

Le 5 compagnie petrolifere più grandi e potenti del mondo

Il petrolio è di gran lunga la principale fonte di energia a livello mondiale. Secondo l’EIA americana (Energy Information Administration), nel 2020 il mondo ha consumato 92,2 milioni di barili al giorno di petrolio e altri combustibili liquidi, nonostante un calo del 9% a causa della pandemia.

Ma per l’oro nero i tempi sono sempre più difficili. Nel recente vertice virtuale sul clima con 41 leader mondiali, il presidente degli Stati Uniti ha svelato un ambizioso piano decennale per il clima che prevede la riduzione di gas serra del 50-52% entro il 2030. Si tratta del raddoppio dell’impegno degli Stati Uniti rispetto ai tagli dell’amministrazione Obama a seguito dell’accordo di Parigi del 2015.

I più grandi inquinatori del mondo, Stati Uniti e Cina, sembrano sempre più decisi a raggiungere i loro obiettivi climatici. Nello stesso modo, anche le più grandi compagnie petrolifere si stanno assumendo maggiori responsabilità per le emissioni di gas serra.

In questo contesto di grande cambiamento per il settore, ecco quali sono le 5 maggiori compagnie petrolifere e di gas del mondo.

China Petroleum & Chemical Corp. (fatturato 2020: 407 miliardi di dollari)

La China Petroleum and Chemical Corporation, nota anche come Sinopec, è una delle tre compagnie petrolifere statali della Cina. È anche la seconda società più grande quotata nelle borse statunitensi in termini di entrate, dietro solo a Walmart. Le attività di Sinopec includono l’esplorazione, la raffinazione e il marketing di petrolio e gas, nonché la produzione e la vendita di prodotti petrolchimici. I prodotti dell’azienda includono benzina, diesel, cherosene, carburante per aerei, gomme e resine sintetiche e fertilizzanti chimici.

PetroChina Co. (fatturato 2020: 296,3 miliardi di dollari)

La cinese PetroChina Co. detiene attività in 30 paesi in tutto il mondo ed é una costola quotata in borsa della China National Petroleum Corporation. Si occupa di operazioni petrolifere e gas, giacimenti petroliferi, ingegneria e costruzione petrolifera, produzione di attrezzature, servizi finanziari e sviluppo di nuove fonti energetiche.

Saudi Arabian Oil Co. (fatturato 2020: 286,9 miliardi di dollari)

Con una capitalizzazione di mercato di 1.900 miliardi di dollari, la Saudi Arabian Oil Co. (nota come Saudi Aramco) è la compagnia petrolifera più ricca al mondo. È la società dell’Arabia Saudita ed ha una produzione giornaliera di ben 3,2 milioni di barili, oltre a possedere le seconde riserve note di petrolio greggio del mondo (270 miliardi di barili).

Royal Dutch Shell Plc. (fatturato 2020: 180,5 miliardi di dollari)

Shell non è ottimista circa le prospettive di petrolio e gas nel lungo termine. Secondo la multinazionale olandese potremmo già aver superato il picco della domanda di petrolio e la domanda globale potrebbe non riprendersi mai completamente. Inoltre, Shell prevede che circa il 75% delle sue riserve note di petrolio e gas sarà esaurito entro il 2030 e quasi tutte entro il 2050. Per tutte queste ragioni Shell si sta spostando con decisione verso l’energia verde.

BP Plc. (fatturato 2020: 180,4 miliardi di dollari)

La britannica BP Plc. opera nel settore energetico a livello globale, compresa la produzione e raffinazione di petrolio e gas, il commercio di gas naturale, biocarburanti, energia eolica onshore/offshore e impianti di generazione di energia solare.

METALLIRARI.COM © SOME RIGHTS RESERVED

*** I commenti sono per il momento disabilitati. Potete però commentare gli articoli sulle nostre pagine social su FACEBOOK e TWITTER ***