Segreti della salute: i 10 superfood della cucina asiatica

Mentre il cibo-spazzatura occidentale ha invaso l’Oriente, ci siamo finalmente accorti che la cucina asiatica è ricca di cibi che sono un vero e proprio concentrato di salute.

Per chi ha viaggiato o vissuto per un po’ di tempo in Asia, è sorprendente constatare come negli ultimi tempi l’Occidente abbia accettato e adottato molti ingredienti della cucina asiatica.

Cibi che, per chi vive in Asia, sono comuni e normali, in Occidente sono diventati superfood (supercibi) e ingredienti di tendenza.

Fino a non molto tempo fa cibi di questo tipo erano considerati strani o primitivi ed erano totalmente sottovalutati da gran parte degli occidentali. C’è voluta una strategia di marketing per creare l’idea di superfood, che ha riversato nella testa delle persone alcuni concetti benefici ed altri del tutto inventati. Infatti, la maggior parte delle piante e dei frutti che esistono in natura sono, e sono sempre state, superfood. Mirtilli, spinaci e mele, tanto per fare degli esempi, sono super alimenti e le loro proprietà nutritive non derivano certo dal marketing che gli ha assegnato l’etichetta di superfood soltanto per motivi commerciali.

Comunque, prescindendo dalle logiche perverse del nostro rapporto con il cibo, ecco i 10 (ma non sono tutti) superfood della cucina asiatica che tutti dovrebbero conoscere.

GINGER (ZENZERO)

È una radice originaria del sud-est asiatico, molto usata nelle antiche medicine indiane e cinesi. Aiuta la digestione, combatte le infiammazioni ed è un ottimo supporto per il sistema immunitario. Nella medicina tradizionale cinese e nell’Ayurveda è curativo anche sotto forma di olio essenziale.

MATCHA

Molti credono che il matcha sia originario del Giappone per il fatto che in questo paese se ne consumano grandi quantità ma, in realtà, proviene dall’antica Cina. Il matcha non è solo ricco di antiossidanti, ma è parte integrante delle cerimonie tradizionali giapponesi del tè.

CURCUMA

Mentre l’origine della curcuma è ancora oggetto di accesi dibattiti, potrebbe essere originaria dell’Asia Meridionale. La curcuma si trova più comunemente in polvere ma può anche essere utilizzata in cucina come radice fresca. La curcumina, presente nella curcuma, è nota per le sue proprietà antinfiammatorie, ma può anche aiutare la digestione, il sistema immunitario e funzionare come analgesico.

FUNGHI

I funghi stanno guadagnando sempre maggiore popolarità nel mondo della salute e del benessere. Funghi in polvere come reishi, cordyceps e chaga non sono più alimenti sconosciuti come lo erano fino a pochi anni fa. Cotti come dessert, aggiunti a latte, frullati e persino usati da applicare localmente come prodotti per la cura della pelle, i funghi sono diventati di gran moda.

MISO

Si tratta di una pasta tradizionalmente prodotta con semi di soia fermentati. È un alimento ricco di vitamine, minerali, enzimi e probiotici che ha un sapore naturalmente salato.

ALGHE MARINE

È un ottimo ingrediente contenente iodio, vitamina B-12 e ferro, solo per citare alcuni micronutrienti che contiene. Le alghe sono state a lungo utilizzate nella cucina giapponese, ma potrebbero essere originarie della Cina.

COCCO

Nella cucina asiatica il cocco viene consumato in molti modi: come olio, come pietanza, come bevanda e come latte. È probabile che le noci di cocco siano state coltivate per la prima volta nel sud-est asiatico (forse nelle Filippine) e al confine con l’India (forse nello Sri Lanka). Il succo di cocco è ricco di elettroliti ed è eccezionale per l’idratazione, mentre l’olio può essere usato sulla pelle.

BACCHE DI GOJI

Le bacche di Goji, dette anche wolfberries, risalgono ai tempi dell’antica Cina. Nella cucina tradizionale cinese vengono impiegate sia per preparare piatti dolci che piatti salati. Le bacche di Goji sono ricche di vitamina C e di zinco, aiutano la digestione, il mantenimento di una pelle sana e del sistema immunitario. Nella medicina cinese sono considerate anche un rimedio anti-invecchiamento e benefiche per la salute degli occhi.

KIMCHI

Il Kimchi sembra essere nato in Corea anche se, tradizionalmente, veniva fatto con il cavolo cinese. È un piatto a base di verdure fermentate con spezie e frutti di mare salati, ricco di vitamine e spezie protettive come aglio, zenzero e peperoncino.

DATTERI ROSSI (GIUGGIOLE)

I datteri rossi, noti anche come giuggiole o hongzao o datteri cinesi, sono un alimento molto apprezzato nella medicina tradizionale cinese, noto per essere d’aiuto alla salute del sangue e particolarmente indicato per le donne.

METALLIRARI.COM © SOME RIGHTS RESERVED

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.