Quali sono i tartufi più cari? Ecco i 10 più costosi del mondo

I tartufi sono una delle prelibatezze più esclusive del mondo, tanto che le persone più ricche sono disposte a sborsare un sacco di soldi per assaporarli.

Quali sono i tartufi più cari Ecco i 10 più costosi del mondo

I tartufi sono funghi che crescono sottoterra ma, a differenza dei funghi comuni, hanno sempre esercitato un grande fascino per il loro aroma irresistibile.

La scoperta del tartufo risale agli antichi egizi, che lo consideravano una prelibatezza e un alimento di grande pregio. Con il tempo e le coltivazioni ibride, le specie di tartufo si sono ampliate e il loro sapore è sempre più passato dal legnoso/terroso al succoso/dolce.

Si tratta di un prodotto molto richiesto durante tutto l’anno, anche se la disponibilità è stagionale e la sua conservazione molto critica. Quasi inutile aggiungere che i tartufi sono molto costosi, ma tutti li vogliono per aggiungere un gusto unico al cibo. Qui di seguito troverete i 10 tartufi più costosi del mondo.

10º

TARTUFI DELL’OREGON (100 dollari al chilo)

Si tratta di una novità sul mercato dei tartufi, risalente al 2013, quando in Oregon (Stati Uniti) sono stati portati alla luce i tartufi Périgord. Questi tartufi crescono nelle piantagioni di abeti Douglas e si stanno rapidamente diffondendo nella Willamette Valley.

PICCOLI TARTUFI BIANCHI SOTTERRANEI (310 dollari al chilo)

I piccoli tartufi bianchi sono difficili da trovare e ancora più difficili da coltivare. Durano soltanto 5 giorni e il loro pregio deriva dal fatto di essere privi di rivestimento esterno, lasciandoli più esposti a tutti gli elementi della natura.

TARTUFI NERI ESTIVI (550 dollari al chilo)

Con una stagione che va da maggio ad agosto, il tartufo nero estivo si trova nei ristoranti in estate quando viene servito con piatti freddi o usato per guarnire insalate. È conosciuto anche come Tuber Aestivum.

TARTUFO NERO PÉRIGORD (2.200 dollari al chilo)

Nel 2017, l’Università di Cambridge e Mycorrizal Systems Ltd. hanno collaborato con gli agricoltori locali per realizzare i primi tartufi neri mediterranei nel Regno Unito. Il team ha impiegato nove anni per coltivare i tartufi, una delle specie di tartufo più aromatizzate.

TARTUFO BIANCO ITALIANO (9.900 dollari al chilo)

A causa della perdita dei boschi e dei cambiamenti climatici, le quantità di tartufo bianco disponibili sono notevolmente diminuite nel corso degli anni. Si tratta di tartufi molto ricercati e la domanda supera di gran lunga l’offerta.

TARTUFO ITALIANO di SOTHEBY’S (33.000 dollari al chilo)

Si tratta di un singolo tartufo di circa 9 chilogrammi ritrovato in Umbria nel 2014. É stato venduto all’asta di Sotheby’s ad un ricco amante del cibo e del vino di Taiwan.

TARTUFO DEL MILIARDARIO RUSSO (52.000 dollari al chilo)

Vladimir Potanin, l’ex vice primo ministro russo e multimiliardario, nel 2013 ha speso 95.000 dollari per acquistare 4 libbre di un raro tartufo bianco di Alba da Nellon Balan, un ristoratore di New York.

TARTUFO BIANCO ITALIANO GIGANTE (130.000 dollari al chilo)

Alla ventunesima asta mondiale del tartufo bianco di Alba (Italia), nel 2021, un tartufo bianco italiano da due libbre è stato venduto allo chef Umberto Bombana del ristorante stellato Michelin Otto e Mezzo (Hong Kong), per 118.000 dollari.

TARTUFO TOSCANO (242.000 dollari al chilo)

Nel 2007, uno dei più grandi tartufi trovati nell’ultimo mezzo secolo, un tartufo da 3,3 libbre, è stato raccolto in Toscana e presentato ad un’asta tenutasi a Londra, Macao e Firenze. Il fungo gigante è stato comprato dal magnate del casinò Stanley Ho per 330.000 dollari.

TARTUFO di STANLEY’S HO (263.000 dollari al chilo)

Stanley Ho ha comprato altri tartufi costosissimi. Nel 2010 ha acquisto un paio di tartufi bianchi ritrovati in Italia per 330.000 dollari. Uno dei tartufi pesava 900 grammi ed è stato scoperto in Toscana, mentre l’altro, da 400 grammi, è stato trovato in Molise. Si tratta della coppia di tartufi più costosa del mondo.

METALLIRARI.COM © SOME RIGHTS RESERVED

*** I commenti sono disabilitati. Per commentare gli articoli è possibile farlo sulle nostre pagine social su FACEBOOK, TWITTER o INSTAGRAM ***