I 10 gatti più costosi del mondo

I gatti sono gli animali domestici più popolari del mondo e sono una amorevole compagnia per moltissime persone. Esistono però alcune tipologie di gatti assai rari e costosi, di cui è meglio conoscere tutte le caratteristiche prima di ospitarne uno in casa, come nel caso del gatto ottenuto dall’incrocio di un gatto leopardo.

I 10 gatti più costosi del mondo

Si dice che il cane sia il migliore amico dell’uomo, ma certamente i gatti non sono da meno.

I gatti sono ottimi animali da compagnia, a causa della loro natura indipendente e della loro estrema pulizia. Come molti altri animali, i gatti possono avere aspetto e personalità assai differenti tra loro, così che è possibile scegliere il carattere più consono alle preferenze personali.

Nel mondo è certamente l’animale domestico più popolare.

Secondo gli studiosi, i gatti sono stati addomesticati dall’uomo a partire dal periodo neolitico, anche se i primi segni certi che siano stati adottati come animali da compagnia risalgono all’antico Egitto.

Alcuni gatti sono più rari e più belli di altri e, proprio la combinazione tra rarità e bellezza, può determinare prezzi incredibili per questi animali, come dimostra la graduatoria dei 10 gatti più costosi del mondo.

  1. ASHERA (prezzo massimo: 110.000 euro). Non è un gatto di razza pura nel vero senso della parola, in quanto è il risultato di un’ibridazione  di geni da diversi gatti: vale a dire il gatto domestico, il gatto leopardo asiatico e il Serval africano. Il risultato è un gatto domestico che sembra un leopardo e che può arrivare a pesare fino a 15 chilogrammi. La società che ha creato il gatto, la The Lifestyle Pets Company, ne fa nascere soltanto cinque esemplari all’anno, venduti a partire da 22.000 dollari.
  2. BENGALA (prezzo massimo: 40.000 euro). Il Bengala è il risultato di un ibrido tra il gatto domestico e il gatto leopardo asiatico. Il suo pelo è simile a quello del leopardo ma, per tutto il resto, è un gatto domestico. Il suo carattere è simile ad un gatto domestico solo dopo la terza generazione.
  3. SAVANNAH  (prezzo massimo: 30.000 euro). È un gatto ibrido tra il gatto domestico e il Serval africano ed è stato creato nel 1986. Il suo prezzo diminuisce con le generazioni successive. Solitamente pesano tra i 6 e i 7 chilogrammi, ma alcuni esemplari possono arrivare anche ai 9 chilogrammi di peso.
  4. PERSIANO (prezzo massimo: 5.000 euro). È la razza di gatti più popolare del mondo. Hanno una pelliccia lunga e morbida, dalla bellezza unica. Hanno una natura estremamente pacifica.
  5. MANX (prezzo massimo: 3.500 euro). Sono gatti conosciuti soprattutto per il fatto che non hanno la coda e per la loro andatura insolita. Inoltre, i gatti con il gene Manx possono avere un tasso di mortalità superiore alla media.
  6. SPHYNX (prezzo massimo: 3.000 euro). Conosciuto anche come il gatto alieno, lo Sphynx è una razza apparentemente senza pelo che ha origine in Canada (1966). È una razza molto intelligente, vivace e che ama arrampicarsi.
  7. PETERBALD (prezzo massimo: 3.000 euro). È come lo Sphynx con l’unica differenza che proviene dalla Russia anzichè dal Canada. La sua caratteristica principale sono gli occhi blu.
  8. SCOTTISH FOLD (prezzo massimo: 3.000 euro). È una razza dalle qualità fisiche uniche, facile da gestire e dalla natura assai amichevole.
  9. BLU DI RUSSIA (prezzo massimo: 2.800 euro). Sono gatti molto giocosi, curiosi e intelligenti. Sono noti per essere dei buoni compagni per i bambini.
  10. BRITISH SHORTHAIR (prezzo massimo: 1.500 euro). Hanno un carattere stabile ed amichevole, che li rende la scelta perfetta per coloro che vogliono tenere il gatto nella propria abitazione.

METALLIRARI.COM © SOME RIGHTS RESERVED

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.