La classifica dei paesi scelti dagli italiani per espatriare

I paesi prescelti dagli italiani per espatriare sono principalmente in Europa ma nella classifica non poteva mancare l’Argentina.

Quali sono i paesi del mondo che gli italiani scelgono per espatriare? E quanti sono gli italiani che hanno fatto questa scelta?

Il rapporto della Fondazione Migrantes sugli italiani nel mondo, aggiornato con i dati del 2012, fornisce risposte e informazioni complete.

Innanzitutto gli italiani che sono espatriati, o meglio quelli che hanno deciso di iscriversi all’anagrafe degli italiani residenti all’estero (AIRE), sono 4.208.977 (il 6,9% della popolazione italiana) di cui circa la metà sono donne.La maggior parte sono in Europa (54,8%) e gli altri sono in America (39,7%), Oceania (3,2%), Africa (1,3%) e Asia (1%).

Certamente il fenomeno non si è mai arrestato in Italia, ma negli ultimi anni si è ripresentato con maggiore forza, come testimonia l’incremento di 93.742 unità verificatosi soltanto nell’ultimo anno. Certamente in molti casi, al contrario di altri periodi storici, non si tratta di una fuga dal proprio paese ma di una scelta ponderata e pianificata.

La classifica 2012 dei paesi prescelti dagli italiani espatriati, è la seguente:

  1. argentinaArgentina (664.387)
  2. germaniaGermania (639.283)
  3. svizzeraSvizzera (546.614)
  4. franciaFrancia (366.170)
  5. brasileBrasile (298.370)

Gli italiani che lavorano in ambiente accademico hanno la più alta concentrazione nelle università inglesi (2.455 unità), di cui circa la metà sono concentrati a Londra. Le 5 università che contano la maggiore presenza di italiani sono l’University College London, l’Imperial College,  il King’s College  e le università di Oxford e Cambridge.

Infine, stanno aumentando quei giovani che espatriano con lo scopo di perfezionare e migliorare la propria preparazione e formazione, nella speranza di cambiare in meglio il proprio futuro.

METALLIRARI.COM © RIPRODUZIONE RISERVATA

*** I commenti sono per il momento disabilitati. Potete però commentare gli articoli sulle nostre pagine social su FACEBOOK e TWITTER ***