Tecnologia e Scienza

10 materiali del futuro

Uno sguardo ai materiali del futuro può aiutarci ad immaginare come sarà la vita dei nostri figli e dei nostri nipoti.

10 materiali del futuro

Confrontando un  qualsiasi tablet odierno con un computer di soltanto dieci anni fa, le differenze sono davvero stupefacenti.

La tecnologia si è evoluta ad un ritmo impressionante, rendendo i dispositivi a nostra disposizione più piccoli, più potenti e molto più portabili. Tutto ciò anche grazie alla rapida evoluzione dell’hardware e all’impiego di nuovi materiali.

Ma i cambiamenti non sono certo finiti e i progettisti avranno presto a disposizione materiali ancora più sorprendenti per trasformare la tecnologia che ci circonda.

Per quanto conosciamo oggi, ecco i 10 materiali che potrebbero rivoluzionare nel futuro tutte le nostre tecnologie.

  • NANOTUBI DI CARBONIO – I nanotubi di carbonio sono catene di carbonio tenuti insieme dal legame chimico più forte che esista: il legame sp2. Hanno notevoli proprietà fisiche, compreso il trasporto balistico degli elettroni, cosa che li rende ideali nell’elettronica. Hanno una resistenza alla trazione circa 300 volte superiore a quella degli acciai ad alto tenore di carbonio. Per questa ragione si immagina potrebbero essere utilizzati per costruire ascensori spaziali.
  • AEROGEL – È la sostanza solida meno densa che si conosca e venne creata nel 1931 come risultato di una scommessa tra Steven KistlerCharles Learned. Qualcuno lo chiama fumo ghiacciato o anche fumo blu ed è una miscela costituita da una sostanza allo stato solido e da un gas. Una specie di gel dove il componente liquido è sostituito con gas. Al 99,8% è aria, cosa che lo rende un fantastico isolante. Per esempio, un scudo di aerogel porebbe facilmente difendere da un lanciafiamme, così come potrebbe esser una calotta calda sulla Luna. Potrebbe diventare un componente delle armature militari del futuro.
  • IPERDIAMANTI – Conosciuti anche come diamanti aggregati nanorod, consistono in nanotubi aggregati di diamanti. Sono un materiale superduro, il più duro e meno comprimibile che si conosca (motivo per cui sono conosciuti anche come fullerite ultradura). Quando la nostra tecnologia arriverà all’impiego degli iperdiamanti potremo dire di vivere davvero in un futuro da fantascienza.
  • METAMATERIALI – Sono materiali creati artificialmente con proprietà elettromagnetiche specifiche, le cui caratteristiche non dipendono solo dalla loro composizione chimica ma anche dalla loro struttura. Sono stati utilizzati per la creazione di mantelli invisibili alle microonde e per altri dispositivi dalle proprietà ottiche insolite. Sono ritenuti ideali per la creazione di ologrammi su schermi bidimensionali.
  • SCHIUME METALLICHE – È un materiale forte e leggero che si ottiene aggiungendo idruro di titanio in polvere all’alluminio fuso e lasciando raffreddare il tutto. Avendo un ottimo rapporto resistenza-peso, sarebbero il materiale ideale per costruire colonie spaziali o città galleggianti.
  • DIAMANTI SINTETICI – Conosciuti anche come HPHT o CVD, sono diamanti ottenuti attraverso un processo tecnologico. Ciò rende possibile disporre di un materiale da costruzione immensamente forte, costituito da carbonio, con un’alta conducibilità termica e con un punto di fusione ed ebollizione tra i più alti di tutti i materiali esistenti. Qualcuno immagina quanto migliorerebbe la potenza degli aerei da combattimento se fossero rivestiti con uno strato protettivo a base di diamanti sintetici.
  • GRAFENE – Costituito da uno strato di atomi di carbonio, ha la resistenza meccanica del diamante e la flessibilità della plastica. Soprannominato “il materiale delle meraviglie“, ha tutto il potenziale per rivoluzionare numerosi settori, dall’elettronica alla medicina. Su questo sito sono disponibili molti articoli a riguardo (“Una scoperta rivoluzionaria grazie ad una matita e al nastro adesivo“).
  • METALLI AMORFI – Chiamati anche vetri metallici, sono dei metalli con una struttura atomica disordinata (caratteristica del vetro). Sono due volte più forti dell’acciaio e possono disperdere l’energia di un impatto in modo più efficace. Hanno proprietà elettroniche tali che consentono di migliorare del 40% l’efficienza delle reti elettriche. Potrebbero costituire la prossima generazione di armature militari.
  • ALLUMINA TRASPARENTE – Tre volte più resistente dell’acciaio e trasparente. Le applicazioni di un materiale del genere vanno dalla costruzione di interi grattacieli completamente trasparenti alla realizzazione di enormi stazioni spaziali.
  • E-TEXTILE (VESTITI INTELLIGENTI) – Sono materiali che permettono di sviluppare abbigliamento che può visualizzare qualsiasi tessuto, proprio come un display. Inoltre, la composizione elettronica del tessuto è in grado di interpretare comandi vocali e touch per attivare, per esempio, una chiamata telefonica o la connessione a qualche server remoto. Le possibilità dell‘e-textile sono illimitate.

METALLIRARI.COM cc SOME RIGHTS RESERVED 

AGGIUNGI UN COMMENTO

Inserisci il primo commento!

Avvisi:
avatar
wpDiscuz

Send this to friend