SOS metallo! Dall’alluminio allo zinco, non ci sono metalli per tutti

Tutti i metalli industriali sono in emergenza: non c’è disponibilità fisica sufficiente mentre il mercato chiede sempre più metallo.

SOS metallo! Dall'alluminio allo zinco, non si sono metalli per tutti

Qualcuno ricorda una turbolenza sul mercato dei metalli fisici come quella che stiamo attraversando? Secondo Bloomberg, almeno da più di un decennio, non era mai successo che l’offerta dei più importanti metalli industriali fosse così ristretta.

I metalli di base sono tutti in backwardation

In effetti, come ben sa chi opera con il London Metal Exchange (LME), tutti i metalli di base sono in backwardation. In altre parole, il prezzo spot supera il prezzo a 3 mesi, una condizione anomala che si verifica quando gli acquirenti sono disposti a pagare di più per avere il metallo prima.

Il mercato dei metalli si trova con scorte basse e che continuano a scendere, con ritardi nella catena di approvvigionamento, con le produzioni che vanno a singhiozzo a fronte di una domanda in continua crescita. Tutti motivi che, anche presi singolarmente, sono più che sufficienti per provocare agitazione tra chi deve comprare metallo.

Come accennato e come raramente accade nella storia, i problemi riguardano i metalli più importanti per il nostro mondo, dall’alluminio allo zinco, passando dal rame, dallo stagno, dal nichel e dal piombo. Per tutti l’offerta è scarsa e la domanda è forte.

Un senso di panico tra i consumatori industriali

Più passano i mesi e maggiore è la tensione che si accumula sul mercato, creando un vero e proprio senso di panico tra i consumatori industriali. Se da una parte i mercati sono molto nervosi per le prospettive macroeconomiche delle principali economie mondiali (Cina soprattutto), dall’altra ci sono continui segnali di un’offerta fisica di metalli scarsa e insufficiente.

Tutto questo in un contesto dove la logistica globale è in ginocchio, con una serie di turbolenze dall’inizio della pandemia in tutta la catena di approvvigionamento delle materie prime.

Gli esperti continuano a sottolineare che questa situazione eccezionale non durerà a lungo. I prezzi di alluminio e rame, per esempio, sono scesi al di sotto dei massimi pluriennali, contribuendo ad allentare un poco le preoccupazioni dei consumatori. Tuttavia, nel breve termine, i consumatori di metallo non intravedono nessun miglioramento e qualche azienda ha già lanciato un S.O.S. per sopravvivere. Prima o poi, il mercato ritroverà un suo equilibrio, ma per qualcuno potrebbe essere troppo tardi.

METALLIRARI.COM © SOME RIGHTS RESERVED

*** I commenti sono per il momento disabilitati. Potete però commentare gli articoli sulle nostre pagine social su FACEBOOK e TWITTER ***