Fosfati: si prevede che il rialzo dei prezzi continui

Cosa è successo sul mercato dei fosfati durante la pandemia? Un’analisi di un settore vitale per poter sfamare una popolazione incamminata verso gli 8 miliardi di persone.

Fosfati: si prevede che il rialzo dei prezzi continui

Qualcuno potrebbe pensare che una commodity agricola come il fosfato sia un argomento che interessa solo gli operatori del settore. Ciò è vero, ma non del tutto…

Una commodity vitale per tutti

Infatti, potremmo dire che i fertilizzanti sono un argomento da specialisti nella stessa misura in cui lo sono, per esempio, i virus per i virologi. Entrambi sono questioni da tecnici del settore, di cui però la gente scopre tutta l’importanza di fronte ad una pandemia o ad una carestia. Facendo tutti gli scongiuri del caso, ci sono ottimi motivi per aumentare la consapevolezza di quanto siano importanti i fertilizzanti per la vita di tutte le persone del mondo.

A questo proposito, a metà dello scorso anno, abbiamo assistito ad una scarsità dell’offerta e ad un aumento della domanda di fosfato, a causa dei blocchi pandemici. Di conseguenza, i prezzi hanno iniziato a salire.

Una crescita dei prezzi che è partita da minimi decennali, raggiunti a inizio dello scorso anno. A fine 2020 il valore del fosfato biammonico (DAP) era cresciuto del 58% negli Stati Uniti e del 45% in Cina.

La pandemia colpisce anche il mercato dei fertilizzanti

Naturalmente, il fattore che ha sconvolto il mercato dei fertilizzanti è stato il COVID-19. Nei primi mesi del 2020 i lockdown in Cina hanno bloccato la produzione, una delle più importanti del mondo. La maggior parte dei produttori cinesi di fosfati ha sede ad Hubei, dove la pandemia è inizialmente scoppiata e gli stabilimenti della regione hanno iniziato a chiudere alla fine del primo trimestre. Ma ci sono state anche gravi interruzioni della catena di approvvigionamento in India, un grande produttore e importatore di fosfati.

Di conseguenza, la maggior parte degli altri produttori di fosfati (Marocco, Arabia Saudita e Russia), hanno cercato di aumentato la propria offerta.

Nonostante la drammatica battuta d’arresto, la Cina si è incamminata verso la ripresa, aiutando i prezzi dei fosfati a crescere negli ultimi sei mesi dell’anno.

Inoltre, è proseguita nel paese la tendenza alla riduzione delle scorte di mais e di altri ingredienti per mangimi. Ciò ha aumentato in modo significativo i prezzi del mais interno e importato, avvantaggiando i mercati dei fosfati dal momento che cresce la convenienza per gli agricoltori di tutto il mondo a piantare mais, una coltura ad alta intensità di fosfato.

La stessa cosa si è verificata con i prezzi della soia, un’altra coltura che dipende fortemente dal fosfato come fertilizzante.

Prezzi in crescita, così come la popolazione della Terra

Ma veniamo alle prospettive future. Come si dice ormai da tempo, la domanda di fosfati dovrebbe aumentare nei prossimi 5 anni, in linea con l’aumento della popolazione mondiale. Si prevede che la popolazione globale supererà gli 8 miliardi nei prossimi 5 anni, con un aumento anche della terra coltivabile. Allo stesso tempo, nei prossimi anni dovrebbero nascere nuove produzioni in Egitto, Marocco, Cina e Arabia Saudita.

Secondo il CRU, la domanda di fosfati rimarrà forte nei prossimi 5 anni, anche se non così tanto come in questo momento. La capacità produttiva aumenterà e l’effetto combinato sui prezzi sarà di un leggero rialzo su base annua. Sempre che non si verifichino shock esterni come accaduto nel 2020…

METALLIRARI.COM © SOME RIGHTS RESERVED

*** I commenti sono per il momento disabilitati. Potete però commentare gli articoli sulle nostre pagine social su FACEBOOK e TWITTER ***