Terza-pagina

Vietato vietare: quando i governi perdono il buonsenso

Qualche volta i governi impongono nuovi divieti spinti da un sentimento popolare di reazione a seguito di eventi drammatici, altre volte lo fanno spinti da paranoie il cui unico risultato è di limitare insopportabilmente la libertà di tutti i cittadini.

Le cronache quotidiane riportate dai mass-media, scatenano spesso l’eterno dibattito tra gli assertori dei divieti e gli oppositori.

Quando c’è una sparatoria o una rapina violenta, per esempio, molti vorrebbero introdurre nuovi divieti e controlli per l’uso e la detenzione di armi, altri difendono la libertà di chi vuole semplicemente difendersi.

I recenti attacchi terroristici a Parigi hanno scatenato un acceso dibattito pubblico se vietare o meno le rappresentazioni su carta stampata di figure religiose.

Naturalmente, gli argomenti investiti da dibattiti del genere sono numerosi, dal divieto per alcuni tipi di alimenti alla detenzione di animali esotici, dagli sport pericolosi alle sostanze stupefacenti.

Spesso, i governi di tutto il mondo intervengono e decidono quale divieto sia più salutare per i propri cittadini. Qualche volta questi divieti sono considerati quasi scontati, altre volte sono del tutto sorprendenti.

Per esempio, il divieto per le droghe pesanti o per alcune sostanze chimiche molto pericolose sono comuni e vigenti un pò in tutto il mondo, mentre il divieto di praticare jogging o di mangiare ketchup sembrano quasi uno scherzo.

In realtà ogni divieto, grande o piccolo, è la perdita parziale di un dono che viene regalato a tutti gli uomini nel momento della nascita: la libertà.

La raccolta dei 20 divieti più strani, bizzarri e sorprendenti imposti dai governi di tutto il mondo, la maggior parte dei quali in vigore a tutt’oggi, testimonia alcune legittime preoccupazioni ma anche molte gigantesche paranoie.

  • Vietato girare nudi in casa propria (Singapore).
  • Vietato guidare per gli omosessuali (Russia).
  • Vietato festeggiare San Valentino (Arabia Saudita).
  • Vietato dichiararsi una reincarnazione di qualcuno, senza autorizzazione governativa (Cina).
  • Vietato giocare a Scarabeo (Romania).
  • Vietato importare l’haggis, l’insaccato di interiora di pecora (Stati Uniti).
  • Vietati i tagli di capelli all’occidentale (Iran).
  • Vietata la pornografia con donne con i seni piccoli (Australia).
  • Vietata la vendita di console per videogiochi (Cina).
  • Vietati i cartoni animati Power Rangers (Nuova Zelanda).
  • Vietati i blue jeans (Corea del Nord).
  • Vietato il chewing-gum o gomma da masticare (Singapore).
  • Vietati i film e le trasmissioni che rappresentano i viaggi nel tempo (Cina).
  • Vietato ballare nei luoghi pubblici (Giappone).
  • Vietata la lotta con l’orso, la cosiddetta bear wrestling (Stati Uniti).
  • Vietato essere Emo (Russia).
  • Vietati i film con l’attrice Claire Danes (Filippine).
  • Vietato mangiare ketchup a scuola più di una volta a settimana (Francia).
  • Vietato parlare usando “giochi di parole” (Cina).
  • Vietato praticare jogging (Burundi).

Perchè a Singapore è vietato girare nudi per casa? Secondo il governo della piccolo stato asiatico, diventato celebre per i suoi divieti e le sue leggi molto poco liberali in alcuni settori, la pornografia è collegata con qualsiasi tipo di nudità. Se uscite nudo dalla doccia di casa vostra farete bene ad assicurarvi che le persiane siano ben chiuse oppure a mettervi qualcosa addosso.

(la foto di copertina è stata scattata all’ingresso della città di Antwerp, in Belgio)

METALLIRARI.COM cc SOME RIGHTS RESERVED 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to a friend