Terza-pagina

Lei Jun: lo Steve Job “made in China”

Alcuni tra i nuovi miliardari cinesi self-made, hanno ottenuto il successo grazie alle loro capacità innovative nel settore dell’high-tech. La storia di Lei Jun è un caso esemplare.

Lei Jun: lo Steve Job "made in China"

Il nome di Lei Jun è sconosciuto alla maggior parte delle persone, anche in Cina, ma UCWEB e Kingsoft sono nomi che quasi tutti i cinesi conoscono, un po’ come dire Firefox e Apple. Il primo è infatti un browser web per dispositivi mobili mentre il secondo è una delle più grandi società di software in Cina.

Il proprietario e fondatore della società, così come di molte altre, è Lei Jun, miliardario di 44 anni, che nella classifica degli uomini più ricchi del mondo occupa la posizione 868 (posizione 53 in Cina).

La fortuna di Lei è di 3,85 miliardi dollari nel 2013, con un grosso incremento rispetto all’anno precedente, grazie ai successi di Xiaomi, la società che vende il telefonino rosso più conosciuto dai cinesi. La valutazione complessiva di Xiaomi ha raggiunto i dieci miliardi di dollari.

Lei Jun presiede anche YY, un sito di social media molto popolare in Cina e a Hong Kong, oltre naturalmente alla Kingsoft, società quotata in borsa.

…tutti i 200.000 telefoni sono stati ordinati in 30 minuti!

Quando Jun ha iniziato a vendere il suo nuovo prodotto, il Xiao Mi 1s, il risultato è stato sorprendente: tutti i 200.000 telefoni sono stati ordinati in 30 minuti! Naturalmente ha portato alla memoria il “panico da acquisto durante le vendite del più famoso iPhone. Tuttavia, il prezzo del telefono Xiao Mi è solo la metà del prezzo di un iPhone.

Lei Jun è stato uno studente modello. Ha finito tutti i corsi entro 2 anni, quando per uno studente normale sono necessari 4 anni per completare tutto il piano di studi.

Durante gli studi alla Wuhan University, lavorava facendo il programmatore, il progettista e il saldatore di circuiti stampati e anche l’hacker. In questo periodo ha creato il suo primo software, un sistema di crittografia, e uno dei primi software anti-virus in Cina, il Mian Yi 90. Questi prodotti lo portano ai primi successi, ancora maggiori dopo aver sviluppato uno dei software più popolari in quel periodo in Cina: il RI (Raminit). 

Terminati gli studi entra in Jin Shan, un’azienda che produceva computer per conto di IBM e che in seguito rileverà la Kingsoft. Da semplice impiegato diventa uno dei massimi dirigenti della società e poi amministratore delegato nel 1998.


Negli anni successivi, una serie di successi lo portano a diventare uno degli imprenditori cinesi più ricchi, a partire dal 2004, quando Amazon compra una delle sue aziende, la Joyo.com, per 75 milioni di dollari.

Anche se Lei Jun non ama per nulla il paragone con il celebre fondatore della Apple, i mass-media di tutto il mondo lo hanno etichettato come lo Steve Job cinese, quasi ad intendere che, dopo aver copiato prodotti e marchi, adesso la Cina ha iniziato a copiare anche le persone.

METALLIRARI.COM © RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to a friend