Sprofonda la domanda di rame. Quest’anno diminuirà del 5,4%

Le previsioni circa la domanda globale di rame non sono confortanti per quest’anno. Tuttavia, nel 2021, è previsto un recupero del 4,4%.

La pandemia di coronavirus sta mettendo sotto pressione l’offerta e la domanda di rame, come non accadeva da tempo.

Nel 2020, secondo l’International Wrought Copper Council (IWCC), ci sarà un eccesso di offerta. Si verificherà un surplus di 285.000 tonnellate a causa del COVID-19 e, l’anno prossimo, l’eccesso diventerà di 675.000 tonnellate.

Terremoto economico senza precedenti

In tempi di pandemia, anche il settore del rame non poteva rimanere immune. Il terremoto economico senza precedenti del COVID-19 ha portato a una grande incertezza circa i fattori che influenzano l’offerta e la domanda di metallo rosso.

La domanda di rame raffinato potrebbe raggiungere i 22.625 milioni di tonnellate nel 2020, in calo del 5,4% rispetto al 2019. Tuttavia, nel 2021, la domanda potrebbe salire del 4,4%.

Come noto, l’edilizia è il comparto economico che in tutto il mondo assorbe la maggior quantità di rame (circa la metà). Anche se non va dimenticato che nei prossimi anni acquisterà sempre più importanza la domanda da nuovi segmenti come, per esempio, i veicoli elettrici.

Tornando alla pandemia di coronavirus, sono cresciuti i timori di una ripresa più lenta del previsto, con i prezzi del rame che hanno toccato i minimi pluriennali durante la prima metà dell’anno. Anche se molti paesi hanno cominciato ad allentare le misure di lockdown, gli investitori sono alla finestra per vedere cosa succederà nei prossimi mesi.

In Europa la domanda scenderà del 6,4%

Secondo il IWCC, l’Europa vedrà un calo della domanda del 6,4%, ma nel 2021 la domanda di rame raffinato potrebbe aumentare del 5,4%.

In Nord America andrà ancor peggio: la domanda totale di rame raffinato scenderà del 6,9% e si prevede un recupero del 5,3% nel 2021.

Anche le previsioni per la Cina sono negative. La domanda di rame raffinato è stimata in calo del 2,8% (11.870 milioni di tonnellate), mentre l’anno prossimo dovrebbe aumentare a 12.175 milioni di tonnellate.

Purtroppo, le conseguenze del COVID-19 faranno sentire il loro effetto ancora a lungo sul mercato del rame, e non solo su quello…

METALLIRARI.COM © SOME RIGHTS RESERVED

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.