Il mercato europeo dell’alluminio ha fame di metallo

In Europa manca alluminio e la situazione è destinata a peggiorare. Naturalmente, i prezzi vengono spinti verso l’alto e i consumatori sono in difficoltà.

Il mercato europeo dell'alluminio ha fame di metallo

Sta crescendo a vista d’occhio il malcontento dei produttori e consumatori d’alluminio europei per i problemi di fornitura.

Sia nel caso dei prodotti laminati piatti che quelli estrusi, i rifornimenti di metallo sono diventati una specie di scommessa.

Ai laminatoi non basta l’alluminio disponibile

Nel caso dei laminati piatti, la produzione non è ripartita così forte come alcuni speravano, ma alcuni settori hanno registrato una buona ripresa. I settori automobilistico e dei beni di consumo durevoli hanno cercato di recuperare quanto perso nella prima metà dello scorso anno.

Le case automobilistiche, in particolare, stanno lottando per trovare alluminio sufficiente. I lunghi tempi di consegna e l’aumento dei prezzi verso i 2.200 dollari per tonnellata, spingono gli acquirenti ad ordinare quantità di metallo in eccesso. Naturalmente, questo aggrava la tensione sulla disponibilità di materiale.

Estrusioni senza billette e con margini in discesa

Se poi consideriamo le estrusioni, la situazione è anche peggiore. La mancanza di metallo cinese causata dai dazi, ha dirottato tutta la domanda dentro i confini europei. Ciò ha creato una carenza di alluminio a partire dai lingotti primari.

I fonditori di billette si lamentano di non poter comprare abbastanza lingotti. Di conseguenza, vendono agli estrusori soltanto quanto previsto dai contratti già stipulati e nulla di più.

Secondo MetalMiner, gli estrusori europei stanno cercando billette fuori dall’Europa, in Medio Oriente e persino in Asia. Di conseguenza, i premi delle billette sono aumentati e gli estrusori si trovano con i loro margini di profitto sotto pressione.

Tra l’altro, comprare in Medio Oriente non è certo una soluzione ottimale visto che si parla di tempi di consegna di non meno di 12 settimane al porto di partenza. A questo si aggiungono i tempi e le difficoltà del trasporto marittimo in questo periodo, con una disponibilità di container piuttosto limitata.

La crescente domanda di alluminio ha colto alla sprovvista il mercato ma tutto lascia intravedere un ulteriore peggioramento della situazione.

METALLIRARI.COM © SOME RIGHTS RESERVED

*** I commenti sono per il momento disabilitati. Potete però commentare gli articoli sulle nostre pagine social su FACEBOOK e TWITTER ***