Investire in criptovalute nel 2022. Quali sono i temi da non perdere di vista?

Su cosa puntare nel mondo delle criptovalute per il 2022? Ecco i 3 temi più importanti, che qualsiasi cripto-investitore non può non conoscere.

Investire in criptovalute nel 2022. Quali sono i temi da non perdere di vista

Quali sono gli obbiettivi di chi investe in criptovalute? La risposta è semplice: beneficiare finanziariamente della crescita della virtualizzazione in tutto il mondo.

Non è però altrettanto semplice trovare il modo migliore per farlo. Infatti, non basta scegliere la migliore tecnologia perchè sul mercato del Web3.0 (internet decentralizzato basato su blockchain pubbliche) i parametri sono altri.

Anche se alcuni lettori potrebbero non essere troppo a loro agio con i termini e i concetti del mondo cripto, non devono preoccuparsi. Nei prossimi anni avranno tutto il tempo per fare pratica visto che quello che state per leggere entrerà inevitabilmente nella vita, almeno in quella virtuale, di tutti.

Proviamo quindi a mettere a fuoco i 3 temi determinanti per chi vuole investire in criptovalute nel corso dei prossimi mesi.

Gli NTF

Sono stati la più grande sorpresa del 2021 e ciò per tutta una serie di motivi che possiamo così riassumere:

  • Piacciono a livello psicologico visto che soddisfano il bisogno umano di comunità e compagnia, tanto più durante gli isolamenti forzati provocati dalla pandemia di Covid.
  • Sono scarsi. Si tratta di scarsità digitale, spesso con forniture in circolazione di soli 10.000 pezzi unici.
  • Sono virali. Ci sono comunità di titolari di NFT incentivate economicamente a promuovere i rispettivi progetti, cosa che produce un marketing organico e gratuito.
  • Sono completamente diversi dalle monete o dai token. La loro personalizzazione combinata con la loro tendenza a formare comunità chiuse e anonime è un concetto completamente nuovo. Di fatto, rappresentano un settore separato e nuovo dell’economia delle criptovalute.

Sembra proprio che gli NFT siano qualcosa di molto più grande di quanto la maggior parte delle persone creda. Attualmente, la capitalizzazione di mercato totale di NFT è valutata da JPMorgan in oltre 7 miliardi di dollari, ma altre fonti la stimano in 22 o addirittura in 44 miliardi di dollari.

Per beneficiare della crescita di questo mercato dal potenziale enorme, gli esperti suggeriscono una criptovaluta in particolare: Ethereum.

Alternative a Ethereum

Esistono anche token come Polygon, la cui rete è una sidechain scalabile e ad alto rendimento collegata alla rete Ethereum. Ciò significa che Polygon beneficia direttamente della crescita di Ethereum e può competere con la tecnologia e la scalabilità delle reti crittografiche alternative.

Oltre a Polygon, anche Terra Luna, Solana e Avalanche sono tra le migliori soluzioni nei settori scalabilità/bridges/layer-1 del mercato delle criptovalute.

Cripto-giochi e ambienti del metaverso

Finora, l’economia cripto ha concentrato la maggior parte della sua attenzione esclusivamente sullo sviluppo di reti decentralizzate. Man mano che le implementazioni di successo di queste reti crescono, aumenterà la richiesta da parte degli utenti che cercano di fare qualcosa con queste reti.

Play-to-earn, giochi di criptovalute e ambienti del metaverso sono i temi che nel 2022 prenderanno piede, cosí come lo scorso anno hanno visto una crescita esplosiva il gioco play-to-earn di Axie Infinity e gli ambienti del metaverso Decentraland e Sandbox.

Ricordiamo che gli ambienti decentralizzati del metaverso sono “giochi” fatti semplicemente per far esistere i giocatori e non c’è uno scopo specifico all’interno di questi giochi. Tuttavia, ciò che rende speciali gli ambienti del metaverso è l’incorporazione di token, NFT e reti decentralizzate.

Inoltre, secondo le previsioni di Bill Gates, “il metaverso ospiterà la maggior parte delle riunioni d’ufficio entro 3-5 anni“. La strada verso la virtualizzazione della nostra società non ha un ritorno.

METALLIRARI.COM © SOME RIGHTS RESERVED

*** I commenti sono disabilitati. Per commentare gli articoli è possibile farlo sulle nostre pagine social su FACEBOOK, TWITTER o INSTAGRAM ***