La crisi del gas si fa sentire. Veicoli diesel nei guai senza AdBlue

L’additivo per veicoli diesel scarseggia sul mercato a causa dell’alto costo dell’energia elettrica. Gli autotrasporti rischiano il fermo.

La crisi del gas si fa sentire. Veicoli diesel nei guai senza AdBlue

Non ci sono problemi di approvvigionamento soltanto per i chip e per i metalli. Anche un additivo indispensabile per la stragrande maggioranza delle moderne auto diesel, è diventato irreperibile.

Gli autotrasportatori rischiano di fermarsi

AdBlue, il nome commerciale di una soluzione di urea e acqua, viene iniettato nei gas di scarico delle auto diesel per ridurre gli ossidi di azoto. Di solito, quando il liquido scende al di sotto dei 1.500 chilometri di autonomia, si accende una spia per il rabbocco ma, quando termina, il veicolo non può più essere rimesso in moto.

Oltre alle auto diesel, anche autobus, pullman e mezzi pesanti ne fanno uso, correndo il rischio di fermarsi senza la possibilità di poterne trovare. Perciò si teme che i camion potrebbero presto smettere di consegnare merci.

Ecco perché si é scatenata una corsa nelle stazioni di servizio per accaparrarsi le ultime taniche di AdBlue disponibili ed esiste il rischio concreto che si blocchino intere filiere. Come spesso avviene in questi casi, si è aggiunta la speculazione di chi ha fatto scorta di AdBlue per poi rivenderla a prezzi maggiorati.

Costi energetici troppo alti. Non conviene più produrre AdBlue

La situazione è così grave che il più grande produttore europeo di AdBlue, la slovacca Duslo Sala, non accetta nuovi ordini, mentre un secondo produttore, questa volta tedesco, ha già ridotto la produzione. Ne esisteva anche un altro, dislocato in Polonia, che però ha già chiuso i battenti. In Italia esiste la Yara di Ferrara, che ha una quota del 60% di mercato di AdBlue sul territorio italiano, ma che ha fermato la produzione.

Anche questo problema nasce dalla crisi del gas, che ha portato ad un costo troppo alto dell’energia elettrica, impiegata per il processo di sintesi dell’ammoniaca. In pratica, il costo di fabbricazione è diventato più alto del costo di vendita.

METALLIRARI.COM © SOME RIGHTS RESERVED

*** I commenti sono per il momento disabilitati. Potete però commentare gli articoli sulle nostre pagine social su FACEBOOK e TWITTER ***