Chiude un’importante raffineria sul Mar Nero e i prezzi dell’alluminio volano

Il conflitto tra Russia e Ucraina sta massacrando il mercato dell’alluminio. Per fortuna, fino ad oggi, la RUSAL non è stata colpita dalle sanzioni.

Chiude un'importante raffineria sul Mar Nero e i prezzi dell'alluminio volano
I prezzi dell'alluminio non si fermano. L'intensificarsi delle tensioni tra Russia e Ucraina spinge le quotazioni a stabilire un record dopo l'altro, mentre nessuno ha dubbi sul fatto che il trend rialzista non rallenterà (venerdì 4 marzo, il contratto cash LME ha raggiunto 3.851 dollari a tonnellata). Inoltre, i problemi di carenza di metallo sembrano destinati ad ingigantirsi mentre il

Contenuto riservato agli abbonati

MR premium content

Tutti i contenuti Premium per 6 mesi


Sei già abbonato? ACCEDI

*** I commenti sono per il momento disabilitati. Potete però commentare gli articoli sulle nostre pagine social su FACEBOOK e TWITTER ***