Nuove tendenze del crimine: il furto delle marmitte catalitiche

Crescono i furti di marmitte catalitiche, facili da rimuovere e da rivendere. Come i trader di commodity, i ladri diventano più attivi quando crescono i prezzi di rodio, platino e palladio.

Nuove tendenze del crimine: il furto delle marmitte catalitiche

Tanti anni fa, non era prudente parcheggiare l’automobile in zone deserte o poco illuminate, per il rischio che qualcuno rubasse l’antenna della radio.

Oggi che le antenne non ci sono più (o meglio, non sono esterne), c’è sempre qualcosa che può essere rubato da un’automobile incustodita: la marmitta catalitica.

Il fenomeno ha investito l’Europa, soprattutto Regno Unito, Francia e Spagna, ma sta contagiando anche l’Italia. Secondo il britannico The Telegraph, i ladri sono particolarmente attivi poiché i prezzi del rodio, del palladio e del platino sono cresciuti (palladio in particolare). Come noto, questi metalli preziosi, sono presenti in tutte le marmitte catalitiche degli autoveicoli.

SUV e furgoni i più a rischio

I ladri sembrano conoscere bene quello che fanno. Infatti, prendono di mira i modelli che contengono la maggior quantità di metalli preziosi come, per esempio, le Honda Jazz e Accord (modello vecchio). Inoltre, hanno una netta preferenza per autoveicoli in cui la marmitta è più facilmente accessibile, come nel caso dei SUV o dei furgoni.

Il furto non richiede molto tempo. Con una sega a batteria, in cinque minuti si riesce ad asportare la marmitta catalitica. E i guadagni si aggirano tra i 300 e i 400 euro a marmitta catalitica. Ma il danno che subisce il legittimo proprietario è assai più elevato visto che, per installare un convertitore catalitico, si può arrivare a spendere una cifra compresa tra i 1.500 e i 2.500 euro.

Rottami preziosi e ricercati

Come noto, i convertitori catalitici hanno cominciato ad essere installati sugli autoveicoli nel 1992 per le auto a benzina e nel 2001 per quelle diesel. I gas di scarico che attraversano questi apparati, grazie alle proprietà catalizzatrici di palladio, rodio e platino, vengono ripuliti dalle sostanze inquinanti più nocive.

Con l’aumento dei prezzi di questi metalli, anche i rottami diventano più ricercati e, di conseguenza, le marmitte catalitiche dei nostri veicoli sono da considerare più a rischio rispetto al passato.

Adesso, se dopo aver girato la chiave del vostro SUV sentite lo stesso rumore di quando passa un buldozer in una cava di cemento, sapete già di cosa si tratta…

METALLIRARI.COM © SOME RIGHTS RESERVED

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Send this to a friend