Per il cobalto il 2021 sarà un anno positivo

Dopo un anno di grandi incertezze, il 2021 sembra promettere bene per il cobalto. Ma ecco cosa ne pensano gli esperti del settore…

Per il cobalto il 2021 sarà un anno positivo

Guardando indietro a cosa succedeva un anno fa, gli osservatori del mercato del cobalto si aspettavano una ripresa della domanda da parte del settore dei veicoli elettrici (EV). In realtà, il 2020 ha riservato amare sorprese per tutti, con la pandemia di coronavirus che ha preso il sopravvento.

Il cobalto, un elemento chiave per le batterie agli ioni di litio, si è trovato intrappolato tra lockdown e misure di contenimento del virus. In Europa e negli Stati Uniti la domanda è crollata nel secondo trimestre 2020. Ma anche l’offerta è scesa a causa dei fermi in Madagascar, Marocco e Canada. Ecco perché i prezzi sono scesi ma non sono crollati.

Come noto, la domanda di cobalto è guidata principalmente dal settore dei veicoli elettrici che, nel quarto trimestre del 2020, ha segnato buoni risultati.

Prospettive per il 2021

Secondo Roskill, le vendite globali di veicoli elettrici per l’anno aumenteranno del 10-15%, con l’Europa che si mostra come il mercato EV in più grande crescita a livello globale. Germania e Francia guideranno la crescita grazie a massicci incentivi fiscali.

Anche Benchmark Mineral Intelligence, è positivo sul cobalto per il 2021. Oltre alle vendite di veicoli elettrici, prevede una crescita del settore dell’elettronica di consumo per il lancio dei nuovi dispositivi 5G. Nel complesso, la domanda di cobalto aumenterà del 15-20% su base annua.

Per CRU, il mercato cinese tornerà a crescere nel 2021, dopo diversi anni di vendite stagnanti di veicoli elettrici. Naturalmente, ciò avrà un impatto positivo sul cobalto impiegato nelle batterie.

Guardando invece all’offerta, Roskill prevede che la produzione di cobalto aumenterà di nuovo ai livelli pre-COVID-19 se diversi progetti nella Repubblica Democratica del Congo faranno crescere la produzione come programmato.

Certamente, è fondamentale che ci sia una crescita della produzione per poter immaginare un mercato abbastanza equilibrato tra domanda e offerta. Per quest’ultima, CRU prevede una crescita del 13% nel 2021.

METALLIRARI.COM © SOME RIGHTS RESERVED

*** I commenti sono per il momento disabilitati. Potete però commentare gli articoli sulle nostre pagine social su FACEBOOK e TWITTER ***