Mercati

Non dimentichiamoci dei fondamentali del nichel…

I fondamentali del nichel sono sempre forti, anche se ultimamente sono passati in secondo piano per le minacce delle sanzioni americane nei confronti della Russia.

Il nichel continua a rimanere al centro delle attenzioni del mercato. Dopo l’allentamento dei termini di attuazione delle sanzioni contro la Rusal da parte dell’amministrazione statunitense, il panico sui mercati si è dissolto. Di conseguenza, i prezzi sono scesi per diversi giorni, un po’ come per l’alluminio e per quei metalli che il mercato temeva potessero venir coinvolti dalla stessa minaccia.

Ma la cosa più importante è che, a parte i capricci della politica di Donald Trump, i fondamentali sottostanti al mercato del nichel rimangono forti.

Produzione e consumi aumenteranno

Secondo l’International Nickel Study Group, la produzione mondiale di acciaio inossidabile è aumentata del 5,8% lo scorso anno, mentre si prevede che la produzione e l’utilizzo di nichel globale aumenteranno nel 2018.

In termini di tonnellate, la produzione mondiale di nichel dovrebbe aumentare da 2,07 milioni di tonnellate dello scorso anno a 2,22 milioni di tonnellate quest’anno. Per quanto riguarda l’utilizzo, si passerà da 2,19 a 2,34 milioni di tonnellate.

I fondamentali del metallo rimangono forti e il prezzo è, attualmente, a circa 14.000 dollari per tonnellata.

La domanda è robusta da parte dei produttori di acciaio inossidabile e le previsioni parlano di una crescita della produzione del 4% quest’anno, a oltre 52 milioni di tonnellate. Restano invece delle preoccupazioni sul fronte dell’offerta.

Il punto interrogativo delle Filippine

Lo scorso anno, le Filippine sono state il primo fornitore di nichel della Cina. Ma il governo del presidente Rodrigo Duterte non ha abbassato la guardia circa i danni ambientali causati dall’industria estrattiva e le minacce circa una riduzione produttiva di nichel rimangono in essere. Inoltre, i limiti che il governo ha imposto sono estremamente restritivi per le aree dedicate ai progetti minerari.

In ogni caso, Nickel Asia, il principale produttore di metallo nelle Filippine, ha dichiarato che, quest’anno, esporterà 20 milioni di tonnellate di minerale, il 17% in più rispetto allo scorso anno.

Arriva nuovo nichel dall’Indonesia

La produzione in Indonesia si sta riprendendo dopo la revoca dei divieti all’esportazione del 2014. Nella prima metà di quest’anno, il paese si è riaffermato come il fornitore numero uno della Cina.

Le esportazioni sono riprese, dal momento che il governo ha cercato di recuperare la perdita di entrate conseguente al crollo delle vendite di nichel all’estero. Tuttavia, ulteriori aumenti produttivi saranno abbastanza limitati, mentre non ci sono stati investimenti in nuove miniere.

Ecco perché i mercati non credono che l’offerta di nichel sarà in grado di far fronte ai previsti aumenti della domanda da parte dei produttori di auto elettriche e di batterie in tutto il mondo.

METALLIRARI.COM © SOME RIGHTS RESERVED

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Send this to a friend