Offshore

Cittadinanze veloci: la nuova frontiera per espatriati benestanti

L’argomento della doppia cittadinanza è spesso circondato da informazioni nebulose e discordanti, che costituiscono una barriera quasi insormontabile per chi desidera, per necessità o per precauzione, ottenere un secondo passaporto. Un’approfondita analisi del settore che sarà d’aiuto a tutti coloro che vogliono capire meglio cosa significhi avere un secondo passaporto, oltre a quali sono le procedure e i costi per ottenerlo.

Mentre il doganiere sta controllando il passaporto, Giovanni, per la prima volta da ormai qualche anno, è tranquillo e le mani non gli sudano come al solito. Adesso è il Señor Giovanni, cittadino panamense, e non ha nulla ma proprio nulla da temere in territorio italiano. Giovanni non è un criminale e non dovrebbe avere alcun timore attraversando una dogana, se non fosse per una vecchia storia con l’Ufficio delle Imposte arrivata al secondo grado di giudizio ed in attesa di una sentenza. Ma date le lungaggini della giustizia italiana i tempi saranno lunghi e, purtroppo, l’esito incerto. Tutti pensieri che affliggevano Giovanni ogni volta che si presentava al controllo passaporti di Fiumicino, temendo che il passaporto potesse venirgli improvvisamente ritirato.

Una storia più comune di quanto si potrebbe pensare e che, anche se il fenomeno riguarda ancora una élite, in un epoca storica dove molte economie sono in bancarotta e sempre più governi sono nelle mano delle banche centrali, rivela il desiderio di un numero sempre maggiore di persone di ottenere una seconda cittadinanza e quindi un secondo passaporto.

La doppia cittadinanza è la miglior garanzia per la propria libertà, espandendo nel contempo i propri orizzonti di investimento. Se i governi di mezzo mondo stanno imponendo regole sempre più draconiane sui loro cittadini, un secondo passaporto è l’assicurazione di non diventare la proprietà di nessun governo. Un secondo passaporto può aumentare notevolmente la libertà personale ed economica ed è un passo importante verso l’internazionalizzazione della propria vita e della vita dei propri familiari.

Partendo dal presupposto che prevedere un piano di fuga da paesi nei quali le libertà personali ed economiche sono in progressiva erosione è semplice buon senso per chiunque abbia un patrimonio, piccolo o grande da difendere, il problema principale che tante persone si trovano ad affrontare è come muoversi in casi del genere.

In casi particolari, dove il tempo è cruciale, è possibile acquistare una cittadinanza offshore in tempi molto rapidi

Cosa fare, come fare e quando farlo sono decisioni che è difficile prendere trattandosi di un terreno totalmente inesplorato e sconosciuto per la maggior parte delle persone, che bene fanno ad anteporre la prudenza a qualsiasi azione.

Infatti, è proprio nelle acque torbide del settore dei doppi passaporti e delle doppie cittadinanze che nuotano molti squali. Squali le cui prede preferite sono persone totalmente all’oscuro e poco informate sul cosiddetto mondo dell’offshore, vittime ideali per truffatori e imbroglioni.

Cominciamo quindi con il capire come muoversi per ottenere una seconda cittadinanza e quali sono gli errori da evitare.

Innanzitutto, il requisito fondamentale è di creare legami domiciliari o residenziali con un paese offshore. Per fare ciò, per chi non ha un profilo di rischio elevato, è bene procedere all’acquisizione di una seconda residenza fiscale in un paese come potrebbe essere Panama, sicuramente una tra le residenze fiscali più efficaci e meno costose esistenti, che dopo quattro o cinque anni garantisce in passaporto panamense e, quindi, la cittadinanza vera e propria.

In casi particolari, dove il tempo è cruciale, è possibile acquistare una cittadinanza offshore in tempi molto rapidi, con l’immediata acquisizione di un secondo passaporto. Potrebbero sembrare casi limite o che riguardano soltanto criminali o gangster in fuga dalla giustizia, ma così non è. Lo testimonia il caso dell’americano Eduardo Saverin, co-fondatore di Facebook, che ha preso la cittadinanza a Singapore, con un risparmio fiscale stimato in 67 milioni di dollari.

Imprenditori benestanti o società multinazionali cercano di ridurre il proprio imponibile nel rispetto della legalità, strada che porta i primi ad acquistare un’altra cittadinanza, le seconde a ridomiciliare la società nei paesi più adatti.

Un caso eclatante è stato quello di Burger King che, proprio lo scorso anno, ha comprato la Tim Hortons, una popolare catena canadese di caffè e ciambelle, facendosi controllare societariamente. Un accordo che ha fatto risparmiare a Burger King centinaia di milioni di dollari di imposte, diventando una delle più grandi inversioni fiscali statunitensi fino ad oggi. In Canada l’aliquota fiscale sugli utili aziendali è del 15% contro il 35% degli Stati Uniti: meno della metà!

Quando si parla di passaporti e cittadinanze offshore occorre però stare molto attenti a chi le offre e, soprattutto, dove sono localizzate le giurisdizioni che permettono questa operazione. Un operatore in questo settore deve essere iscritto all’International Financial Service Commission (IFSC) e al Registered Agent della giurisdizione in cui opera.

Quali sono i paesi che offrono nel concreto questa possibilità? L’elenco non è lunghissimo e, anche se le cose cambiano negli anni, i paesi che seguono hanno una consolidata tradizione nell’offrire soluzioni affidabili e sicure.

  • St. Kitts and Nevis – The Twin Island Federation. Il paese offre diverse soluzioni per stranieri che vogliono la doppia cittadinanza, dagli investimenti immobiliari alle donazioni a favore dell’industria governativa dello zucchero. Senza entrare nei dettagli è possibile dare un’idea di quale sia l’investimento minimo per ottenere la cittadinanza in questo paese: 250.000 dollari.
  • Antigua ed Barbuda. Anche in questo caso il programma per ottenere la cittadinanza prevede un investimento o nel settore immobiliare o una donazione per progetti di sviluppo, a partire da 200.000 dollari.
  • Dominica. Questa piccola isola nel Mar dei Caraibi offre la cittadinanza veloce a partire da 100.000 dollari, in tempi molto rapidi: dalle 12 alle 19 settimane.
  • Messico. La cittadinanza messicana prevede un deposito bancario di 103.500 dollari vincolato per 20 mesi e l’accredito continuativo di una pensione o di uno stipendio di almeno 2.100 dollari al mese.
  • Cipro. Il paese offre la cittadinanza a chi investe almeno 2,5 milioni di euro in proprietà di lusso e 500.000 euro per la residenza permanente. I tempi per il rilascio del nuovo passaporto sono abbastanza variabili ma, nella maggior parte dei casi, sono compresi tra i 9 e i 12 mesi.

La sintetica panoramica dei programmi di cittadinanza di questi cinque paesi, vuole solo dare un’idea di cosa comporta un’operazione del genere. Infatti, per valutare esattamente costi e tempi va preso in considerazione caso a caso, valutando, per esempio, il numero di familiari a seguito.

Non va peraltro dimenticato che, una volta ottenuta la cittadinanza, la nazione di origine, Stati Uniti per esempio, potrebbe richiedere la rinuncia alla cittadinanza. Oppure, in alcuni casi, potrebbe essere conveniente rinunciarvi di proposito per motivi fiscali, come avviene per i cittadini statunitensi che, pur in possesso di due passaporti di cui uno americano, sono soggetti al FACTA (Foreign Account Tax Compliance Act) e perciò obbligati a pagare le imposte agli Stati Uniti.

Come si diceva, i passaporti offshore sono ancora un fenomeno elitario, che interessa soprattuto persone appartenenti alla classe più agiata della società. Alcuni di loro richiedono anche il cambio del nome, cosa legalmente possibile dopo 8 o 10 mesi dal rilascio del secondo passaporto.

In definitiva comprare una cittadinanza è un’operazione non solo possibile ma del tutto legale. Riguardo ai costi di una doppia cittadinanza sono certamente elevati e in tutti i casi in cui il vasto mercato internazionale offra soluzioni economiche è bene diffidarne, per non rimanere coinvolti in truffe o, peggio ancora, in traffici di documenti rubati o contraffatti.

A proposito della convenienza di comprare una seconda cittadinanza non esiste una risposta univoca, poiché dipende dalla situazione soggettiva e dalla disponibilità di denaro. In linea di massima è possibile dire che con meno di tre o quattro milioni di dollari, la cittadinanza conviene attenderla quattro o cinque anni dopo aver ottenuto una semplice residenza fiscale che, normalmente, costa meno di 10.000 dollari. La libertà ben merita un’attesa di qualche anno!


Da anni ormai assistiamo persone provenienti da tutto il mondo, soprattutto italiani, che si rivolgono a noi con tanti dubbi e preoccupazioni. Fino ad oggi, abbiamo sempre risolto in tempi ristretti i loro problemi e ci vantiamo di aver contribuito significativamente ad aver ridato loro serenità e un po’ della libertà che avevano perso.

Chi desiderasse entrare in contatto con noi, può scriverci all’indirizzo criptato spectra(chiocciola)protonmail.ch oppure venire direttamente nei nostri uffici di Panama.

METALLIRARI.COM cc SOME RIGHTS RESERVED 

Tomas Abdiel
Avvocato ed Investigatore privato, cofondatore della TGH Abogados di Panama. Vanta una vasta esperienza in Diritto Internazionale, pianificazione fiscale e servizi corporate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to a friend