Rame a 20.000 dollari? In pochi anni potremmo vederlo a questo prezzo

Per gli analisti, gli attuali prezzi del rame potrebbero raddoppiare in pochi anni. La causa principale è un’offerta insufficiente in un contesto di forte crescita della domanda.

Rame a 20.000 dollari? In pochi anni potremmo vederlo a questo prezzo

La domanda in aumento e l’offerta insufficiente di nuove miniere potrebbero portare i prezzi del rame a 20.000 dollari per tonnellata in pochi anni. In pratica, il doppio del prezzo attuale di circa 10.000 dollari per tonnellata, già il più alto in un decennio.

La crescente domanda di minerali critici per supportare la transizione energetica, rame compreso, ha già spinto i prezzi del metallo rosso a livelli molto alti, circa il doppio rispetto a quello che erano prima della pandemia di COVID-19. Il motore di una crescita tanto forte è la spinta globale verso la decarbonizzazione e i supporti governativi per veicoli elettrici (EV) e la generazione di elettricità rinnovabile.

Non ci sarà rame sufficiente

Tutti sanno che il rame sarà il metallo chiave nella transizione energetica. Tuttavia, considerando le miniere esistenti e quelle in fase di sviluppo si stima una copertura di solo l’80% del rame di cui il mondo avrà bisogno entro il 2030. La previsione è dell’Agenzia Internazionale dell’Energia (AIE) ed è contenuta nel nuovo rapporto intitolato “Minerali critici nelle transizioni verso l’energia pulita“.

Il rame è il cardine per tutte le tecnologie legate all’elettricità. Le stesse reti elettriche necessitano di un’enorme quantità di rame e alluminio.

Tuttavia, le miniere e i progetti di esplorazione per trovarne di nuove sono in costante diminuzione. Non solo… secondo l’AIE, il grado medio di minerale di rame in Cile è diminuito del 30% negli ultimi 15 anni. Di questo passo l’offerta risulterà in ritardo rispetto al previsto aumento della domanda.

Per gli hedge funds è il nuovo petrolio

In questo contesto, anche gli hedge funds (i fondi speculativi d’investimento) vedono grandi opportunità di guadagno. David Neuhauser, fondatore e amministratore delegato dell’hedge fund statunitense Livermore Partners, ha dichiarato che “il rame è il nuovo petrolio“. Ha anche aggiunto che per i prossimi 5-10 anni avrà ottime performace, con la possibilità di arrivare a 20.000 dollari per tonnellata.

Anche Bank of America ha affermato di essere molto rialzista. Se le scorte di rame si esauriscono, il prezzo del metallo rosso potrebbe raggiungere i 20.000 dollari già nel 2025.

METALLIRARI.COM © SOME RIGHTS RESERVED

*** I commenti sono per il momento disabilitati. Potete però commentare gli articoli sulle nostre pagine social su FACEBOOK e TWITTER ***