Oro a 10.000 dollari? Dubbi e speranze di chi ha investito sul re dei metalli

L’oro è considerato un rifugio sicuro per gli investitori durante i periodi turbolenti. Ma a quanto possono arrivare i prezzi del metallo giallo?

Oro a 10.000 dollari? Dubbi e speranze di chi ha investito sul re dei metalli

Quando ci sono bolle finanziarie che si gonfiano, allora crescono le aspettative di chi ha investito in beni rifugio.

Oggi, c’è chi pensa che la situazione finanziaria globale potrebbe diventare ingestibile e incontrollabile per le banche centrali che hanno stampato grandi quantità di denaro senza risolvere il problema, ma soltanto ritardandolo. Un fondo come Quadriga Igneo, per esempio, prevede che in questa situazione il metallo prezioso possa salire fino ad un livello compreso tra i 3.000 e i 5.000 dollari per oncia nei prossimi 3-5 anni.

I guru dell’oro prevedono 10.000 dollari per oncia

Goldman Sachs si aspetta che, a causa delle preoccupazioni circa l’inflazione, i prezzi dell’oro possano uscire dallo stretto corridoio in cui si sono mossi nel corso di quest’anno per raggiungere i 2.300 dollari, un aumento che sarebbe del 22% rispetto ai livelli attuali.

I grandi guru del mercato dell’oro, da Rob McEwen a Frank Holmes a David Smith, hanno formulato previsioni strabilianti che, se si avverassero, porterebbero a guadagni enormi per chi ha acquistato il metallo giallo. Qualcuno crede che il metallo possa arrivare fino a 4.000 o 5.000 dollari, ma altri sperano che l’oro possa raggiungere 8.000 o addirittura 10.000 dollari. Livelli molto lontani dal livello massimo mai raggiunto dall’oro nella sua storia.

Il record di prezzo risale al 7 agosto 2020

Infatti, l’oro ha toccato il record di 2.067,15 dollari per oncia il 7 agosto 2020, un prezzo raggiunto per le incertezze economiche che preoccupavano i mercati di tutto il mondo a causa della pandemia di COVID-19.

In ogni caso, a prescindere dalle previsioni sui prezzi, l’oro è un bene fisico che non è possibile stampare. Esattamente il contrario della carta moneta.

I sostenitori del metallo giallo sanno che quando le banche centrali stampano denaro a più non posso, i titoli azionari crescono drammaticamente ma senza alcun legame con i fondamentali. La conseguenza è la crescita di una bolla che quando dovesse scoppiare riporterà dolorosamente alla realtà. In simili scenari, l’oro potrebbe dimostrarsi come l’unico salvagente che funziona.

METALLIRARI.COM © SOME RIGHTS RESERVED

*** I commenti sono per il momento disabilitati. Potete però commentare gli articoli sulle nostre pagine social su FACEBOOK e TWITTER ***