Un nuovo tipo di uranio, più leggero e meno dannoso per l’ambiente

Gli scienziati hanno scoperto un nuovo isotopo dell’uranio, con un’emivita straordinariamente breve. Si apriranno nuove strade per lo smaltimento dei rifiuti radioattivi?

Un nuovo tipo di uranio, più leggero e meno dannoso per l'ambiente

Ricercatori cinesi sono riusciti a produrre uranio leggero. Si tratta di atomi con solo 122 neutroni rispetto ai 146 neutroni presenti in oltre il 99% dell’uranio che si forma naturalmente (uranio-238 o U-238).

Un isotopo di un elemento ha sempre lo stesso numero di protoni. Nel caso dell’uranio i protoni sono 92, mentre il numero di neutroni è variabile. Gli scienziati identificano gli isotopi con un numero dato dalla somma dei neutroni e dei protoni nei loro nuclei e, in questo caso, il nuovo isotopo è stato chiamato uranio-214 (U-214)

Mai così pochi neuroni e protoni

Si tratta dell’isotopo dell’uranio con il numero più basso di neuroni e protoni mai scoperto, come evidenziato dagli scienziati della Chinese Academy of Sciences in una recente pubblicazione sulla rivista Physical Review Lettere.

Per creare il nuovo isotopo di uranio è stato usato un complicato processo di sabbiatura di campioni di tungsteno con fasci di calcio e argon, fino a quando gli atomi si sono fusi. Successivamente, sono stati estratti gli atomi di U-214 dal campione tramite uno strumento magnetico chiamato separatore.

Osservando il decadimento dei nuclei, i ricercatori hanno scoperto che l’emivita dellU-214 è di circa 0,52 millisecondi. Hanno quindi eseguito esperimenti simili su due isotopi scoperti in precedenza, l’uranio-216 e l’uranio-218. Così facendo hanno determinato che le loro emivite erano rispettivamente di circa 2,25 millisecondi e 0,65 millisecondi.

Il nucleare può essere considerato sostenibile?

In termini pratici, questa emivita straordinariamente breve significa che la versione leggera dell’uranio potrebbe fornire fonti di combustibile più efficienti per i generatori di energia nucleare. Naturalmente, l’efficienza è fondamentale per riclassificare il nucleare come “sostenibile“, un argomento d’attualità anche nell’Unione Europea. Infatti, la Commissione Europea sta esaminando quali siano le attività economiche da considerare sostenibili, in base a criteri ambientali rigorosi.

Visto che l’U-214 garantisce un più breve decadimento radioattivo, potrebbe aprire nuove strade per lo smaltimento dei rifiuti radioattivi, riducendo di fatto al minimo i danni per l’ambiente.

METALLIRARI.COM © SOME RIGHTS RESERVED

*** I commenti sono per il momento disabilitati. Potete però commentare gli articoli sulle nostre pagine social su FACEBOOK e TWITTER ***