Tecnologia e Scienza

Ecco il metallo liquido di Terminator

Gli scienziati cinesi hanno creato delle gocce di metallo liquido che ricordano il T-1000 del famoso film “Terminator 2 – Il giorno del giudizio”.

Tutti gli appassionati di cinema di fantascienza ricorderanno perfettamente il T-1000, un robot della serie Terminator fatto da metallo liquido, che gli permetteva di cambiare forma e di ricomporsi anche se danneggiato.

Ma la realtà si sta avvicinando sorprendentemente a quanto immaginato dagli sceneggiatori del famoso film. Infatti, gli scienziati cinesi dell’università di Shenzhen hanno creato delle gocce di metallo liquido che, un giorno, potrebbe essere impiegato per creare macchine metalliche autoalimentate. Il loro lavoro è stato pubblicato anche su Materials Horizons.

Le leghe metalliche liquide, grazie alla loro eccellente conduttività, bassa tossicità e capacità di mutare forma, sono ideali come veicoli per i farmaci che devono colpire le cellule tumorali o per creare altri biomateriali. Tutte applicazioni nelle quali il materiale viene sottoposto a forti allungamenti e compressioni, ma senza esserne danneggiato. Cosa a cui le gocce di metallo liquido si prestano perfettamente.

Una robotica morbida

Le gocce di metallo liquido hanno anche un potenziale straordinario per la cosiddetta elettronica flessibile e per la robotica morbida.

Solitamente, il metallo liquido in gocce è costituito da una lega a base di gallio, stagno e indio. Una goccia metallica sulla cui superficie si forma un sottile strato di ossido, che la rende appiccicosa e poco funzionale per gli scopi che abbiamo visto in precedenza.

Ma i ricercatori cinesi sembra abbiano risolto questo problema, rendendo la goccia a prova di ossido e quindi antiaderente, con una elevata elasticità, mobilità e robustezza meccanica. Per farlo hanno usato Teflon, o PTFE.

Adesso, si cercherà di far si che le gocce metalliche si muovano pilotate da stimoli esterni, in modo da controllare la morfologia in varie condizioni.

Si arriverà davvero a macchine fatte di metallo liquido in grado di prendere diverse forme e di autogenerarsi? In tal caso, come nel film, dovremo iniziare a pensare seriamente a come proteggerci dai robot del futuro…

METALLIRARI.COM © SOME RIGHTS RESERVED

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to a friend