Metalli Preziosi

Perchè i prezzi del palladio continuano a crescere

Numerosi fattori si stanno combinando con l’effetto di far mancare palladio sul mercato internazionale. Naturalmente i prezzi hanno preso fuoco e le previsioni per i prossimi mesi sono tutte al rialzo.

Perchè i prezzi del palladio continuano a crescere

Il palladio è scambiato sul mercato internazionale a circa 800 dollari all’oncia, circa il 14% in più del suo valore di inizio anno e il più alto da marzo 2011.

Il palladio è un metallo che appartiene al gruppo del platino e viene ottenuto come sottoprodotto della lavorazione del platino stesso e del nichel. Il mercato è relativamente piccolo e i suoi principali impieghi riguardano l’elettronica, la gioielleria e i catalizzatori per auto. I principali produttori mondiali sono Russia e Sud Africa.

Una delle ragioni per cui i prezzi del palladio sono saliti riguardano l’aumento della domanda mondiale di dispositivi per controllare l’inquinamento. In particolare, India e Cina hanno guidato la crescita della domanda a causa dell’aumento del proprio parco di autoveicoli circolanti, per i quali sono necessari  i convertitori catalitici.

La Cina è il mercato automobilistico in più rapida crescita nel mondo. Soltanto lo scorso anno, il numero di automobili è cresciuto di quasi il 40%, mentre le vendite di automobili di produzione cinese sono salite del 55%. Si prevede che il numero di auto in Cina aumenterà almeno del 10% o del 15% all’anno per il resto del decennio. Immaginate cosa accadrà quando 1,6 miliardi di persone riusciranno a comprare un’automobile?

La società russa Norilsk Nickel è il più grande produttore mondiale di palladio e la produzione dello scorso anno ha rappresentato il 40% delle forniture globali

Ma esistono altre importanti fattori che stanno trascinando i prezzi verso l’alto. La crisi tra Russia, Ucraina ed Occidente è uno dei fattori principali.

La società russa Norilsk Nickel è il più grande produttore mondiale di palladio e la produzione dello scorso anno ha rappresentato il 40% delle forniture globali. Considerando le implicazioni delle restrizioni commerciali che l’Occidente vuole imporre sulla Russia, è facile concludere che ci potrebbe essere un cambiamento catastrofico nella catena di fornitura del palladio.

Le riserve russe di palladio sono state un’importante fonte di approvvigionamento per più di un decennio. Purtroppo, a causa dell’aumento della domanda mondiale, le scorte rimaste sono una piccola frazione di quello che erano una volta. Man mano queste riserve diminuiscono, le esportazioni e le vendite di palladio scendono. La Russia potrebbe presto non essere più il principale fornitore di palladio mondiale.

Come se non bastasse, l’altro principale produttore mondiale di palladio, il Sud Africa, è investito da mesi da scioperi e contestazioni nel settore minerario, che paralizzano le forniture di palladio. Inoltre, tutto il settore minerario del Sud Africa è alle prese con i crescenti costi dell’energia elettrica e dei combustibili e le grandi società minerarie del paese stanno lottando per non vedere scomparire i margini operativi delle loro attività. In questo momento, il futuro del secondo più grande produttore di palladio del mondo non sembra offrire spazio per l’ottimismo.


Con queste premesse, a differenza di oro e argento, non ci sono dubbi tra gli esperti del settore circa le prospettive future del palladio.

Le maggiori banche di investimento prevedono quotazioni di 900 dollari per oncia entro fine anno, con un deficit sul mercato che durerà ancora per parecchio tempo. Un futuro scintillante per il fratellino minore del platino!

METALLIRARI.COM cc SOME RIGHTS RESERVED 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to a friend