Manca metallo, ma se il settore auto rallenta si liberano acciaio e alluminio

La carenza di semiconduttori per le automobili provoca rallentamenti e fermi della produzione. Avanzeranno alluminio e acciaio per gli altri consumatori?

Manca metallo, ma se il settore auto rallenta si liberano acciaio e alluminio

La gioia degli speculatori per il boom dei prezzi dei metalli si contrappone alla disperazione dei consumatori di metallo fisico. D’altronde, per chi compra metallo il problema non è soltanto il livello di prezzo ma anche la disponibilità fisica.

Prezzi alti e carenza di metallo

E quest’anno si è materializzato il peggiore degli incubi per gli acquirenti di metalli: prezzi alti e carenza di metallo. La rapida ripresa dei consumi e della produzione dopo i lockdown dello scorso anno, hanno spinto in questa direzione in modo eclatante in Cina, ma anche negli Stati Uniti e in misura minore in Europa.

Anche l’offerta limitata è stato il motore della crescita dei prezzi dei metalli. In alcuni casi, come il rame e lo zinco, la causa è stato il blocco della produzione in paesi come il Perù.

Inoltre, le barriere tariffarie hanno ulteriormente ridotto le opzioni di approvvigionamento dei consumatori. L’Unione Europea ha introdotto dazi compensativi sui laminati piatti in alluminio, che si sono aggiunti a quelli per gli estrusi dalla Cina. Tutto ciò ha ridotto in modo significativo le forniture di alluminio per il mercato europeo.

Come se tutti questi problemi non bastassero, sono arrivati vincoli e aumenti dei costi logistici. Le rotte dall’Asia all’Europa (ma anche verso gli Stati Uniti) hanno registrato ritardi nelle spedizioni, carenza di container e tariffe di trasporto che si sono triplicate. Anche se recentemente ci sono state delle riduzioni nelle tariffe, siamo ancora lontani da costi ragionevoli e, probabilmente, dovremo aspettare fino alla fine dell’anno per avvicinarci a costi storici.

In queste condizioni, la carenza di materie prime continua. Acciaio, alluminio e altri metalli sono difficili da reperire così come altri materiali quali le resine e i semiconduttori. Ma i problemi di approvvigionamento proseguiranno anche nella seconda parte di quest’anno?

Senza semiconduttori il comparto auto mangia meno metallo

Finora, l’offerta limitata di acciaio e alluminio non ha avuto un impatto sostanziale sulla produzione dei consumatori. Non ci sono ancora stati produttori di automobili o di elettrodomestici che hanno dovuto fermare le linee di produzione per mancanza di materia prima. Tuttavia, le principali case automobilistiche (Volkswagen, Ford e Honda) hanno fermato la produzione per mancanza di semiconduttori.

La conseguenza è stata che le case automobilistiche hanno ritardano il ritiro delle lamiere per auto, liberando metallo a favore degli altri distributori e consumatori. Ciò induce a pensare che, nei prossimi mesi, la carenza di resine e di semiconduttori potrebbe liberare alluminio e acciaio dal settore automobilistico verso altri comparti. Inoltre, i problemi delle case automobilistiche potrebbero servire per raffreddare i prezzi.

Buone notizie allora per i consumatori di acciaio e alluminio? Purtroppo le cose non sono così chiare e la dinamica del mercato rimane così mutevole da rendere difficile pianificare inventari ed acquisti per il resto del 2021.

Fino ad ora i semilavorati metallici in Europa stanno affrontando un aumento dei prezzi e tempi di consegna prolungati. Tuttavia, non è irragionevole sperare che le difficoltà del settore auto possano aiutare gli altri comparti ad uscire dalla trappola.

METALLIRARI.COM © SOME RIGHTS RESERVED

*** I commenti sono per il momento disabilitati. Potete però commentare gli articoli sulle nostre pagine social su FACEBOOK e TWITTER ***