Energia

Uranio, il metallo che fa paura

È uno dei metalli più importanti per la nostra società e lo diventerà ancora di più nel prossimo futuro. Meglio conoscerlo che averne paura…

Parlando di uranio è difficile non sentire istintivamente un certo disagio, misto a paura, generato da tutto quello che abbiamo sentito circa i drammatici incidenti nucleari di Chernobyl e di Fukushima e circa l’impiego di uranio impoverito in zone di guerra.

I mass-media, sull’argomento non ci sono mai andati leggeri e, per dare qualche emozione in più al proprio pubblico, hanno preferito terrorizzare anziché informare.

Nella realtà l’uranio è un metallo abbastanza comune, presente nella maggior parte delle rocce in basse concentrazioni (da 2 a 4 parti per milione). Inoltre, in questi anni ha attirato l’attenzione di molti investitori, che intravedono la possibilità che i prezzi del metallo possano mettere a segno consistenti guadagni nel prossimo futuro.

L’uranio fu scoperto nel 1789 nel minerale pechblenda da Martin Klaproth, un chimico tedesco, che lo battezzò come il pianeta Urano.

Quando viene raffinato è un metallo bianco argenteo, debolmente radioattivo, ma che reagisce con la maggior parte degli elementi non metallici e dei loro composti, reazione che aumenta con la temperatura.

Il plutonio è tristemente famoso per essere stato usato nella bomba atomica che venne sganciata su Nagasaki

L’uranio è presente sotto forma di due isotopi (atomi con un neutrone in più o in meno): l’uranio-238 (U-238) e l’uranio-235 (U-235). Il primo rappresenta più del 99% del metallo disponibile, il secondo meno dell’1%. Il più raro, l’U-235, è anche il più importante ed è quello comunemente usato come combustibile nucleare. Infatti è fissile, il che significa che in certe condizioni l’isotopo può essere diviso, sprigionando una notevole quantità di energia.

L’ U-238 invece non è fissile ma fertile. Cosa significa? Significa che può catturare uno dei neutroni intorno al nocciolo di un reattore, creando plutonio-239, un isotopo fissile che emana una notevole quantità di energia. Il plutonio è tristemente famoso per essere stato usato nella bomba atomica che venne sganciata su Nagasaki (quella di Hiroshima era all’uranio-235).

Attualmente, l’uso più importante dell’uranio è nella produzione di energia nucleare. Fu impiegato nelle prime centrali nucleari nel 1950 e, ad oggi, i reattori nucleari sono diventati più di 400, una flotta di centrali che provvede ad oltre il 10% dell’energia elettrica del mondo.

Ma, come tutti sanno, esiste un impiego dell’uranio un po’ meno pacifico: i penetratori ad alta densità e le bombe nucleari.

I primi sono munizioni all’uranio impoverito legato con l’uno o il due percento di altri metalli, solitamente titanio e molibdeno, mentre le bombe nucleari hanno drammaticamente costituito uno dei primi utilizzi dell’uranio anche se, dal 1990, la maggior parte dell’uranio militare è stato riconvertito per essere impiegato come combustibile nelle centrali nucleari civili.

Con la popolazione del nostro pianeta in crescita continua, la necessità di avere fonti energetiche è più importante che mai. Si prevede che entro il 2030, il consumo di elettricità sarà raddoppiata rispetto ai livelli del 2007 e una parte significativa deriverà dall’energia nucleare. La sola Cina costruirà 40 nuovi reattori nucleari entro il 2020, così come la Russia che ne costruirà altri 25 e l’India altri 24.


Perciò è lecito domandarsi se ci sarà abbastanza uranio per soddisfare tutte queste nuove esigenze. Secondo molti analisti non vi sono dubbi che ci sarà un deficit di approvvigionamento di questo metallo e con esso un forte aumento dei prezzi. Ma i tempi con cui questo avverrà non sono troppo chiari, come dimostra il fatto che è ormai da qualche anno che gli esperti si attendono un rialzo dei prezzi che fino ad ora non c’è stato.

Tuttavia, per chi crede che i fondamentali della domanda e dell’offerta siano i driver più importanti del mercato, non ci sono molti dubbi che l’uranio costituisce un investimento interessante per i prossimi anni.

METALLIRARI.COM cc SOME RIGHTS RESERVED 

Roberto Gozzetti
È stato un trader nel settore dei metalli per lungo tempo, lavorando con alcune importanti aziende del settore in Italia e in Europa. Esperto in metalli rari, è consulente presso un'azienda svizzera leader sul mercato internazionale di questi metalli. Da qualche anno è impegnato anche nella divulgazione giornalistica del mondo dei metalli rari e delle materie prime. Il suo profilo professionale è su LINKEDIN.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

metallirari.com

il tuo LIKE sarà di grande aiuto!

smile red

Send this to a friend