Investimenti

Attenti al cobalto!

Il cobalto è vicino ai minimi storici e potrebbe presto attirare l’attenzione degli investitori, soprattutto in considerazione delle prospettive di aumento della domanda nei prossimi anni.

Attualmente è possibile acquistare uno dei metalli più importanti del 21° secolo a prezzi molto bassi, solo perché nessuno gli presta attenzione.

L’esperienza suggerisce che i maggiori profitti vanno a quegli investitori che si muovono prima del branco, quando il valore della merce è trascurato e sottovalutato. E questo è esattamente quello che sta accadendo al cobalto.

Il cobalto con purezza 99,6%, ha oscillato durante il mese di ottobre tra i 13 dollari per libra e i 13,75 dollari per libra. Quello cinese, purezza 99,8%, sempre nel corso del mese di ottobre, ha toccato il massimo di 34,93 dollari per chilogrammo. Nel 2008, il prezzo del cobalto 99,8% ha quasi toccato la quotazione record di 50 dollari per libbra, circa quattro volte le quotazioni odierne.

Il cobalto ha una moltitudine di usi industriali, dal settore farmaceutico ai satelliti per le telecomunicazioni. Ma l’applicazione più importante è quella per le batterie agli ioni di litio a base di cobalto, utilizzata nei cellulari, tablet PC e vari dispositivi elettronici. Le batterie ricaricabili rappresentano circa un quarto del consumo mondiale di questo metallo, ma entro i prossimi 5 anni questa percentuale è prevista salire fino al 50%.

Le batterie ricaricabili rappresentano circa un quarto del consumo mondiale di cobalto

La Apple ha venduto 2 milioni di iPhone5 nelle prime 24 ore di apertura al pubblico. Le auto elettriche e le auto ibride cominciano a penetrare il mercato automobilistico. Ogni anno, centinaia di milioni di telefoni cellulari obsoleti vengono sostituiti con nuovi modelli e quasi ogni telefono cellulare del pianeta contiene circa 3,5 grammi di cobalto. Nel 2011, il consumo di questo metallo è stato di 75.000 tonnellate ed è previsto che nei prossimi 2 anni raggiungerà le 100.000 tonnellate.

Più di due terzi del cobalto  del mondo, solitamente un sottoprodotto del rame e del nichel, sono forniti dalla Repubblica Democratica del Congo, ma la raffinazione viene effettuata quasi esclusivamente in Cina.

Ad oggi, gli operatori di mercato sono preoccupati per l’eccesso di offerta in un momento economico difficile. Ma molti produttori esistenti hanno già messo in pista nuovi progetti per nuovi impianti per far fronte agli aumenti dei consumi previsti nei prossimi anni.


Ma allora perché i prezzi del cobalto non decollano? Semplicemente perché gli investitori non hanno ancora focalizzato l’attenzione su questo metallo. Ma pensiamo che ciò sia destinato a cambiare.

Per i produttori non sarà facile soddisfare l’aumento della domanda e poiché il cobalto si trova raramente in concentrazioni sufficientemente elevate per sostenere un’estrazione economica, l’unica variabile che equilibrerà domanda e offerta sarà un prezzo maggiore.

METALLIRARI.COM © SOME RIGHTS RESERVED

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to a friend