Mercati

Oro, argento e rame ancora in discesa

I prezzi di oro e argento continuano a indebolirsi, così come quelli del rame. Soltanto il petrolio si rafforza e spera in un aumento della domanda in Europa.

Oro, argento e rame ancora in discesa

Il prezzo dell’oro è sceso sotto i 1.250 dollari per oncia a seguito della pubblicazione del rapporto sull’occupazione degli Stati Uniti

La maggior parte degli analisti crede che i prezzi non rimbalzeranno poichè gli investitori sembrano aver perso ogni interesse per il metallo giallo.

I grandi investitori preferiscono mettere i capitali in titoli azionari e questa maggiore propensione al rischio offre sempre meno motivi per investire in oro.

È quasi certo che fino agli ultimi mesi dell’anno non ci sarà nulla di buono da attendersi per i prezzi del metallo giallo

Gli amanti delle statistiche rilevano che, tra aprile e agosto, le quotazioni dell’oro sono storicamente nel periodo peggiore.

Con questo in mente, è quasi certo che fino agli ultimi mesi dell’anno non ci sarà nulla di buono da attendersi per i prezzi del metallo giallo.

Anche l’argento è sceso sotto i 19 dollari per oncia, così come il rame che ha toccato i 6.775 dollari a tonnellata al London Metal Exchange (LME).


Per oro e argento sembra che siano tramontati per sempre i tempi in cui gli investitori, alla ricerca di beni rifugio, compravano per correre al riparo dai rischi finanziari.

In controtendenza tra le materie prime il petrolio, in leggera salita a 108 dollari al barile (Brent), in seguito ala decisione della Banca Centrale Europea di tagliare i tassi di interesse. Molti investitori prevedono una crescente domanda di petrolio in tutta Europa.

METALLIRARI.COM cc SOME RIGHTS RESERVED 

AGGIUNGI UN COMMENTO

Inserisci il primo commento!

Avvisi:
avatar
wpDiscuz

Libro Metalli Rari

Send this to friend