Terza-pagina

I 7 tesori più preziosi dell’umanità

Le sette opere più straordinarie mai realizzate nel corso della storia dagli esseri umani.

I 7 tesori più preziosi dell'umanità

Gran parte della storia dell’uomo è ricca di avventure, esplorazioni e conquiste con il miraggio di scoprire qualche tesoro.

Tesori che qualche volta non sono soltanto oggetti ricchi di un valore intrinseco, come per esempio l’oro, ma anche rari e di grande bellezza, qualche volta artefatti preziosi di grande valore artistico.

Gli esseri umani hanno sempre cercato di sottolineare la dimensione spirituale e ultraterrena attraverso la creazione di cose belle, la maggior parte delle quali sono andate tragicamente perse nel corso della storia. Fortunatamente, molte di esse sono sopravvissute e continuano ad essere scoperte anche ai nostri giorni. Una incompleta ma comunque coinvolgente traccia dell’esistenza umana.

La lista dei tesori più preziosi dell’umanità comprende opere molto celebri ed altre meno, ma tutte sono una rappresentazione straordinaria dell’esperienza dell’uomo sul pianeta Terra.

  1. TAJ MAHAL (India). La costruzione del Palazzo Reale nella città indiana di Agra è uno dei simboli più famosi e romantici del potere delle emozioni umane mai costruito. Il Taj Mahal è il mausoleo spettacolare di un complesso architettonico più grande, comprendente molti altri edifici. Fatto costruire nel 1632 dall’imperatore moghul Shah Jahan in memoria della moglie preferita, la sua paternità è incerta, anche se generalmente si tende a considerare Ustad Ahmad Lahauri il creatore dell’opera.
  2. LA GRANDE MURAGLIA (Cina). Insieme con le piramidi di Giza, la Grande Muraglia cinese è l’unica altra opera dell’uomo che è visibile dall’orbita terrestre nello spazio ed è di gran lunga il più grande progetto di ingegneria mai intrapreso da esseri umani. Iniziata intorno al 220 A.C., si estende ininterrottamente per 8.800 chilometri attraverso il nord Cina. Fatta di centinaia di milioni di blocchi di pietra, è diventata sinonimo di indipendenza, determinazione, forza d’animo e ingegnosità del popolo cinese.
  3. LA GRANDE PIRAMIDE DI CHEOPE (Egitto). Una delle Sette Meraviglie del mondo antico, la grande piramide di Giza in Egitto è ad oggi il più grande edificio singolo mai costruito. Nonostante secoli di studi, non siamo ancora certi di come sia stato creata questa struttura che sembra costruita per miracolo. Con i suoi quattro lati perfettamente allineati con i punti cardinali della Terra, è larga 230 metri e alta più di 456 metri. È rimasto l’edificio più alto della Terra fino alla metà del 19° secolo. Iniziata intorno al 2.560 A.C, è il monumento sepolcrale del faraone Cheope ed è una delle opere di ingegneria più importanti mai realizzata dagli uomini.
  4. L’HERMITAGE (Russia). Inizialmente si chiamava Palazzo d’Inverno e fu commissionato da Elisabetta Petrovna (la figlia di Pietro il Grande) nel 1754 e completato nel 1762. L’imperatrice Caterina II lo fece diventare uno dei più grandi musei privati al mondo. Ciò comportò la costruzione di nuovi saloni e gallerie aggiuntive dove venivano esposte le opere d’arte, una serie di migliorie che resero noto l’intero edificio come L’Hermitage. Anche se può essere meno noto rispetto al Louvre, con oltre tre milioni di oggetti, l’Hermitage contiene uno dei più grandi e più spettacolari tesori d’arte mai raccolti.
  5. IL LOUVRE (Francia). Il Louvre è stato originariamente costruito come una fortezza nella zona ovest di Parigi, sulle rive della Senna. Iniziata nel 1190 e completata nel 1202, è stato un successo formidabile. Successivamente modificato e ampliato, alla fine si è trasformato nella reggia di Carlo V.  L’edificio ha raggiunto l’apice del suo splendore durante il regno del Re Sole, Luigi XIV. Nel 1793, il Louvre è stato ufficialmente aperto al pubblico come museo nazionale. Milioni di visitatori lo affollano ogni anno per vedere le sue collezioni uniche di alcune delle opere d’arte più celebri mai create.
  6. LA CAMERA D’AMBRA (Russia). Come sanno molti storici di tesori, il destino della leggendaria Sala Ambra rimane un mistero ancora irrisolto. Commissionata dal re di Prussia, Federico I, la sua costruzione iniziò a Berlino nel 1701. Composta interamente in ambra, pietre preziose e oro, copriva una superficie di circa 180 metri quadrati ed era composta da decine di pannelli brillanti e luccicanti. Dopo l’invasione tedesca della Russia nel 1941, iniziò un saccheggio sistematico di antichità e tesori russi che si concluse con il furto della Sala Ambra da parte dei soldati tedeschi nel 1942.
  7. ANGKOR WAT (Cambogia). Quando il naturalista francese Henri Mouhout scrisse nel 1863 della sua scoperta di un gigantesco tempio nella giungla del Sud-Est asiatico, si accese una tempesta di interesse per la cosiddetta città perduta. In effetti, Angkor è una meraviglia architettonica e di ingegneria. Su un’area di 400 chilometri quadrati, questo vasto sito nell’antica città di Angkor, appena fuori dalla moderna città di Siem Reap in Cambogia, è un enorme complesso di templi, canali, monumenti, sculture e statue dedicate alla dinastia Khmer, che ha regnato e che ha governato la regione per oltre 700 anni.

METALLIRARI.COM cc SOME RIGHTS RESERVED 

AGGIUNGI UN COMMENTO

Inserisci il primo commento!

Avvisi:
avatar
wpDiscuz

Libro Metalli Rari

Send this to friend