Crisi energetica. Cosa succede in Cina e alla produzione di acciaio e alluminio?

La crisi energetica mondiale sta colpendo anche la Cina e il suo sistema produttivo, con conseguenze significative sulla produzione di metalli.

Crisi energetica. Cosa succede in Cina e alla produzione di acciaio e alluminio?

La Cina si trova nel mezzo di una grave carenza sia di carbone che di elettricità. Di fatto, la produzione di carbone non ha tenuto il passo con la crescente domanda di elettricità di un’economia in rapida ripresa.

Naturalmente, quando il gigante cinese ha problemi energetici che impattano sul sistema industriale, non c’è angolo sulla Terra dove chi opera nel settore dei metalli possa sentirsi tranquillo.

Razionamenti di energia elettrica e blackout

Secondo Reuter, la produzione di elettricità in Cina è aumentata di 616 Terawattora (13%) nei primi otto mesi del 2021 rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Gli aumenti maggiori riguardano il settore dei servizi e delle industrie primarie. Tuttavia, la maggior parte dell’aumento è stata fornita da centrali elettriche a carbone che hanno aumentato la produzione di 465 TWh (14%) nei primi otto mesi. Le altre fonti di energia, come la produzione idroelettrica, sono invece diminuite leggermente quest’anno a causa della carenza d’acqua. Inoltre, nonostante i numerosi progetti di nuove centrali, attualmente il nucleare in Cina produce solo una piccola frazione dell’energia necessaria al paese.

La domanda supera ormai la capacità delle centrali che forniscono elettricità, causando razionamenti e blackout forzati. Come detto, il principale colpevole è la mancanza di carbone che le miniere cinesi non riescono a fornire a sufficienza. La fornitura nazionale di carbone è aumentata del 6% (Reuters), mentre la produzione di energia è aumentata del 14% quest’anno. L’unica possibilità per compensare il divario sono le importazioni ma, dopo i litigi con l’Australia alla fine dello scorso anno, Pechino ha vietato le importazioni di carbone dal paese dei canguri.

Adesso, qualcuno crede che il governo cinese sia sul punto di revocare il divieto per cercare di risolvere la sua crisi energetica.

Nei prossimi mesi verranno prodotti meno acciaio e meno alluminio

Comunque vada, è certo che, almeno per tutto il prossimo inverno, ci sarà una riduzione della produzione di alluminio e di acciaio. Per quanto riguarda l’alluminio, ne conseguirà un’aumento delle importazioni di primario e una contrazione delle esportazioni di prodotti semilavorati.

Si è fatto un gran parlare degli sforzi cinesi per raggiungere gli ambiziosi obiettivi di emissioni ambientali e gli impatti di queste politiche sulla riduzione della produzione di acciaio e alluminio. Tuttavia, sembra proprio che i problemi produttivi della Cina siano provocati più da una crescente crisi energetica che dai tagli alla produzione per ridurre le emissioni inquinanti.

METALLIRARI.COM © SOME RIGHTS RESERVED

*** I commenti sono per il momento disabilitati. Potete però commentare gli articoli sulle nostre pagine social su FACEBOOK e TWITTER ***