Economia

Una manciata di paesi controlla le materie prime del nostro pianeta

Pochi paesi controllano molte risorse naturali e materie prime. Tra questi, la Cina fa la parte del leone.

Per vedere tutte le materie prime che compongono un telefono cellulare o un computer, dovremmo scavare parecchio in direzione del nucleo del nostro pianeta. I nomi di alcuni di questi materiali ci sono familiari, come per esempio l’oro o lo stagno, altri lo sono molto meno, come il tantalio e l’indio, anche conosciuti come metalli rari

La nostra dipendenza dagli apparati high-tech cresce nella stessa misura in cui cresce il nostro appetito per tutti questi metalli. La domanda per i 14 minerali più critici per le tecnologie elettroniche di oggi, triplicherà nei prossimi 20 anni, così come riporta la Commissione europea.

Esistono poi una miriade di fattori, tra i quali la volatilità dei mercati, i bassi tassi di sostituzione, le restrizioni alle esportazioni, che rendono alcuni metalli più preziosi di altri.

Secondo molti osservatori, l’era dell’accesso facile alle materie prime del pianeta è terminata. Di conseguenza gli stati ricchi di risorse naturali, sono sempre più desiderosi di incassare il dovuto per le loro ricchezze minerali. E a pagare saranno i paesi dipendenti da queste materie prime e senza alcun accesso alle fonti minerarie.


I paesi del mondo che detengono il controllo di questi materiali sono un numero ristretto e concentrano alcuni metalli in percentuali molto alte. Nei prossimi anni tutti noi saremo ancora più dipendenti da questi paesi:

  • canadaCanada: produce l’11% di tutto il cobalto del mondo;
  • stati unitiStati Uniti: produce l’85% di tutto il berillio del mondo;
  • messicoMessico: produce il 18% di tutta la fluorite del mondo;
  • repubblica democratice del congoRepubblica Democratica del Congo: produce il 41% di tutto il cobalto del mondo;
  • brasileBrasile: produce il 92% di tutto il niobio  e il 16% di tutto il tantalio del mondo;
  • russiaRussia: produce l’11% di tutto il platino del mondo;
  • turchiaTurchia: produce il 12% di tutto il magnesio del mondo;
  • cinaCina: produce il 91% di tutto antimonio, il 14% di tutto il berillio, il 59% di tutta la fluorite, il 75% di tutto il gallio, il 72% di tutto il germanio, il 72% di tutta la grafite, il 58% di tutto l’indio, il 56% di tutto il magnesio, il 97% di tutte le terre rare e il 78% di tutto il tungsteno del mondo;
  • giapponeGiappone: produce l’11% di tutto l’indio del mondo;
  • indiaIndia: produce il 13% di tutta la grafite del mondo;
  • australiaAustralia: produce il 48% di tutto il tantalio del mondo;
  • sud africaSud Africa: produce il 79% di tutto il platino del mondo.

Un nuovo paese potrebbe presto aggiungersi a questo club ristretto: l’Afghanistan. Secondo un rapporto interno del Pentagono, potrebbe presto diventare l’Arabia Saudita del litio.

METALLIRARI.COM © RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to a friend