Come trasformare i rottami in oro: la storia di un imprenditore coraggioso

Una storia esemplare di un imprenditore americano che ha fatto fortuna nel settore dei rottami metallici nel mercato asiatico.

Come trasformare i rottami in oro: la storia di un imprenditore coraggioso

Stephen Greer volò ad Hong Kong nel 1993, con il biglietto aereo di sola andata. Non aveva la più pallida idea di cosa avrebbe fatto una volta giunto a destinazione.

Dopo circa sei mesi dal suo arrivo aveva fatto trading su jeans, vasi di terracotta, alberi di natale e zampe di gallina, quando dalla Germania arrivò la richiesta che avrebbe cambiato per sempre la sua vita: comprare rottame dal mercato asiatico.

Folgorato dal commercio di rottami

Dopo poco tempo, Stephen Greer era uno dei più importante commercianti di rottami metallici, con un business da più di 250 milioni di dollari. Nel suo libro, Starting from Scrap: An Entrepreneurial Success Story, racconta la sua storia di come è stato folgorato dal commercio di materia prima e di come ha raggiunto il successo imprenditoriale.

Un viaggio interessante nel tumultuoso sviluppo economico asiatico, che ha consacrato Hong Kong e Singapore come gli epicentri degli affari in Asia. Un successo che deve molto al fatto che Stephen Greer si è trovato nel posto giusto, nel momento giusto e, naturalmente, a molto sudore versato. La sintesi della storia dell’imprenditore è riassumibile in poche parole: duro lavoro, perseveranza e determinazione, oltre a una buona dose di indispensabile fortuna.

“…provateci, rischiate, non aspettate che le occasioni se ne vadano…”

Nel libro un consiglio anche per i giovani: “studiate bene il problema e valutate attentamente tutti i rischi ma alla fine provateci, rischiate, non aspettate che le occasioni se ne vadano. Ricordate che le opportunità non rimangono ferme e si muovono velocemente con il passare del tempo“.

Infine, Greer consiglia agli aspiranti imprenditori di pianificare bene tutta la propria avventura imprenditoriale, dall’inizio fino alla fine: capitali, soci e collaboratori. Insomma, è meglio iniziare qualsiasi avventura imprenditoriale con bene in mente anche la fine.

METALLIRARI.COM © SOME RIGHTS RESERVED

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Send this to a friend