Mercati

Sempre più petrolio in Nord Africa

Crescenti ritrovamenti petroliferi e di gas naturale nella zona occidentale del nord Africa, stanno lentamente spostando il baricentro energetico mondiale verso questa zona.

Sempre più petrolio in Nord Africa

Esiste una zona del pianeta dove negli ultimi vent’anni i ritrovamenti di gas e petrolio sono cresciuti enormemente e che sta diventando un punto nevralgico per gli interessi energetici mondiali.

È il Nord-Africa occidentale, che ha visto aumentare le scoperte di nuovi giacimenti del 25%.

La zona nord-occidentale dell’Africa è conosciuta come il Maghreb e comprende Marocco, Algeria, Tunisia, Libia e Mauritania. I paesi che rivestono la maggior importanza per quanto riguarda il petrolio sono l’Algeria e la Libia, nonostante in quest’ultimo paese la produzione e le nuove esplorazioni si siano fermate per motivi di sicurezza. Ma anche il Marocco promette di rivestire un ruolo sempre più importante nella produzione energetica.

In Algeria, vicino a Hassi Messaoud, è stato da poche settimane scoperto un giacimento di petrolio stimato in 1,3 miliardi di barili. I tempi necessari per le esplorazioni, lo sviluppo e l’avvio della produzione sono di circa quattro anni.

Il Marocco è considerato un mercato molto promettente, sia da un punto di vista economico che geologico

Anche grazie alla nuova scoperta, secondo il ministro dell’Energia algerino, la produzione di petrolio e di gas nel paese potrebbe raddoppiare nei prossimi dieci anni. Nonostante i consumi di carburante in Europa siano calati, l’Algeria continua ad esportare il suo petrolio a prezzi che non hanno risentito della contrazione della domanda.

Il Marocco è considerato un mercato molto promettente, sia da un punto di vista economico che geologico. È l’unico paese nordafricano il cui regime politico non è stato influenzato dalla Primavera Araba ed è ritenuto a basso rischio politico.

Il paese è anche uno dei più grandi consumatori di energia dell’Africa, con una domanda interna che è aumentata del 54% negli ultimi dieci anni. Perciò è diventato il secondo più grande importatore di petrolio del continente africano.

Il governo marocchino ha intrapreso una politica di incentivazione delle esplorazioni per lo sviluppo di  nuovi giacimenti, con significativi aiuti che vanno dall’esenzione fiscale per 10 anni fino all’esenzione delle royalties che le compagnie energetiche pagano ai paesi che le ospitano.

Inoltre il Marocco è diventato il paese dove confluiscono tutte le società energetiche che hanno abbandonato la Libia, sia a causa di ritrovamenti deludenti che per le preoccupazioni per la sicurezza.

Se le quotazioni della Libia e anche dell’Algeria sono in discesa, quelle del Marocco seguono il trend opposto e le prospettive per il paese, sia energetiche che economiche, sembrano essere molto positive per i prossimi anni.

METALLIRARI.COM © RIPRODUZIONE RISERVATA

AGGIUNGI UN COMMENTO

Inserisci il primo commento!

Avvisi:
avatar
wpDiscuz

Libro Metalli Rari

Send this to friend