Il robot che raccoglie le mele… delicato e attento come un umano

Sono in arrivo sul mercato i robot di ultima generazione per la raccolta delle mele. Efficaci e delicati, è assai probabile che prenderanno presto il posto di un gran numero di lavoratori agricoli.

Il futuro della robotica in agricoltura sembra piuttosto promettente.

Anche se molte persone credono che ci vorranno anni per vedere i robot agricoltori, la realtà è che in molti paesi sono già state fatte numerose prove in questa direzione. Per questo motivo, è possibile che questa rivoluzione agricola sia già in corso, come si può desumere anche dai robot di ultima generazione che raccolgono le mele.

Sono una delle recenti creazioni della Abundant Robotics, una giovane azienda californiana. I prototipi sembrano molto promettenti e hanno già partecipato alla stagione della raccolta delle mele in Australia, funzionando abbastanza bene.

Ingombranti ma delicati

Sebbene queste macchine siano piuttosto ingombranti, sono molto attente a come raccogliere i frutti. Grazie ad una bocchetta di aspirazione, le mele vengono raccolte con la stessa delicatezza di una mano umana. Il braccio di aspirazione del robot riesce a raccogliere le mele con delicatezza poichè si avvale di un sistema di visione artificiale. Grazie a telecamere in grado di riconoscere gli oggetti, può individuare con precisione la posizione dei frutti.

È interessante notare che esistono già altre macchine sul mercato per la raccolta delle mele. Ma, quasi tutte, si basano su vibrazioni che portano alla caduta del frutto, cosa che lo danneggia.

Un solo robot al posto di decine di persone

Se anche i prossimi test, che avranno luogo in autunno negli Stati Uniti, avranno successo, la Abundant Robotics potrebbe rilasciare una versione commerciale del robot nel corso di quest’anno.

Secondo la società, il robot può fare il lavoro di decine di persone.

Potremmo certamente discutere all’infinito su quanta manodopera poco qualificata perderà il  lavoro se questa tecnologia prenderà piede. Così come quante persone qualificate e ben pagate serviranno per gestire questo tipo di robot. Ma di fatto, è abbastanza improbabile che discussioni simili possano fermare questi progressi tecnologici, anche in agricoltura.

METALLIRARI.COM © SOME RIGHTS RESERVED

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.