Regno Unito senza dazi: suicidio o boom economico?

Sembra che con la Brexit, il Regno Unito avvierà un proprio esperimento di libero scambio. Tutto il mondo si aspetta un azzeramento, o quasi, dei dazi alle importazioni.

Regno Unito senza dazi: suicidio o boom economico?


La Brexit sembra ormai alle porte e le promesse dei suoi sostenitori sulla facilità di raggiungere accordi di libero scambio con il resto del mondo stanno per essere messe alla prova.

Naturalmente, i desiderosi di separarsi dall’Unione Europea (UE) hanno evitato di dire (forse qualcuno, per ignoranza, non lo sapeva proprio) che i vantaggi della creazione di accordi di libero scambio non ricadono sui cittadini inglesi. O meglio, non su tutti.

Infatti, tutto dipende dai punti di forza e di debolezza del sistema industriale e commerciale del paese.

C’è anche la potente lobby degli agricoltori

Il Regno Unito, ad esempio, insieme al resto dell’Europa e degli Stati Uniti, ha una lobby di agricoltori molto potente, che ha sempre richiesto e ottenuto considerevoli protezioni.

Ci sono alcuni motivi a sostegno di questo comportamento. Infatti, un paese correrebbe grossi rischi dal fare totalmente affidamento sulle importazioni per bisogni così importanti come i prodotti alimentari. Anche se possiamo vivere senza ananas o mango, come faremmo senza cereali o verdure?

Ma il 31 ottobre è probabile che il Regno Unito abbandonerà la UE senza un qualche tipo di accordo. È una situazione interessante, poiché raramente un paese ha la possibilità cambiare all’improvviso tutti i dazi. Solitamente, tali cambiamenti avvengono gradualmente e con negoziati bipartisan nel corso di anni.

Una rivoluzione negli scambi commerciali

Secondo la CBI, importante organizzazione imprenditoriale britannica, questo è il più grande cambiamento in termini di scambi commerciali che il Regno Unito ha affrontato dalla metà del XIX secolo. Purtroppo, senza alcun dialogo con il mondo delle imprese e senza il tempo adeguato per prepararsi.

Tutto lascia intendere che Regno Unito deciderà unilateralmente quali dazi imporre e quali no, non solo verso i paesi UE, ma anche nei confronti di paesi terzi, come il Canada, che hanno accordi commerciali con la UE. Il tutto nel giro di poche settimane.

Quando il Regno Unito uscirà dalla UE senza un accordo, lascerà automaticamente tutti gli accordi commerciali che la UE ha raggiunto con paesi di tutto il mondo. Il Canada ne è un esempio.

Il primo ministro inglese Boris Johnson dice che supererà rapidamente l’accordo di libero scambio della UE con il Canada, facendone uno nuovo. Ma il Canada ha educatamente rifiutato.

Quali settori economici proteggere?

È interessante notare che i dazi non vorrebbero colpite la componentistica delle automobili, nel tentativo di non rompere le catene catene di approvvigionamento automobilistiche just-in-time tra il Regno Unito e l’Europa, diventate così altamente integrate negli ultimi 20 anni. Ma, alcuni temono il collasso del settore in caso di una hard Brexit.

Adesso, rimangono solo alcune settimane per tutte le parti interessate ad avere uno status speciale o ad essere protette da dazi. Certamente, crescerà la voce di quei settori economici britannici che, con dazi a zero sulle importazioni, verrebbero messi fuori mercato.

Il governo di Boris Johnson cerca disperatamente di dimostrare che la Brexit è un successo ma, se verranno introdotti nuovi dazi, la popolazione si troverà ad affrontare un aumento del costo della vita . Non per nulla, la Gran Bretagna è di gran lunga un importatore netto di beni.

Insomma, se i dazi spariranno alcuni settori economici verranno buttati fuori dal mercato e chi esporta nel Regno Unito farà dei buoni affari. Al contrario, se verranno introdotti nuovi dazi protettivi saranno i consumatori a pagare il conto.

Sarà comunque interessante osservare cosa succederà all’economia britannica una volta azzerati i dazi (o ridotti in modo significativo). Assisteremo ad un effetto galvanizzante post Brexit come hanno promesso i sostenitori del libero scambio? I dubbi sono molti…

METALLIRARI.COM © SOME RIGHTS RESERVED

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Send this to a friend