Mercati

Pugno di ferro della Cina contro l’estrazione illegale di terre rare

I recenti interventi del governo cinese nella lotta all’estrazione illegale di terre rare, spingono le quotazioni di molte società minerarie internazionali verso l’alto.

Il governo cinese continua la lotta alle miniere illegali di terre rare, confiscando un numero crescente di miniere senza le necessarie autorizzazioni.

Naturalmente i prezzi ne hanno risentito e l’aumento degli stessi ha trascinato verso l’alto anche le quotazioni delle società impegnate nell’estrazione mineraria di terre rare.

È dall’anno scorso che la Cina sta contrastando con decisione un fenomeno che aveva assunto dimensioni rilevanti. Soltanto nel corso del 2012, gli interventi governativi hanno portato alla cessazione della produzione di circa 30.000 tonnellate di terre rare, coinvolgendo anche il cuore del sistema minerario cinese, collocato nella provincia di Ganzau.

I prezzi del praseodimio e del neodimio sono cresciuti a 380 renminbi per tonnellata

Il fondo d’investimento americano Market Vectors Rare Earth Strat Met, negli ultimi giorni ha segnato un progresso di circa il 5%, mentre la Molycorp, società mineraria americana quotata a New York, è cresciuta del 23% nell’ultima settimana. Anche la Lynas Corporation, Ltd, società australiana quotata alla borsa di Sidney, ha visto crescere le proprie quotazioni del 15% negli ultimi giorni. Secondo un giudizio di questi giorni della Byron Capital, le azioni della Molycorp sono uno strong-buy.

I prezzi del praseodimio e del neodimio sono cresciuti a 380 renminbi per tonnellata, mentre l’ossido di disprosio ha toccato i 1.700 renminbi al chilogrammo.


Il mercato delle terre rare arriva da mesi in cui i prezzi erano depressi a causa del rallentamento della domanda mondiale. Nonostante le azioni intraprese dal governo cinese per regolamentare la produzione e limitare le esportazioni, i prezzi delle terre rare sono rimasti a livelli minimi per lungo tempo.

Secondo alcuni analisti, a causa del livello molto basso dei prezzi e delle scorte molto basse dei principali consumatori industriali, esistono tutte le condizioni affinchè il mercato ricominci a salire nei prossimi mesi.

METALLIRARI.COM © RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to a friend