Mercati

Prezzi dell’oro sotto i 1.100 dollari, ma con prospettive ancora peggiori

I prezzi dell’oro crollano sotto i 1.100 dollari e tra gli operatori aumenta il pessimismo circa le prospettive per i prossimi mesi. Rivedremo presto l’oro sotto i 1.000 dollari?

I prezzi dell’oro sono affondati al di sotto dei 1.100 dollari per oncia.

I 1.100 dollari sono considerati un livello critico che, se non dovesse venir recuperato, porterà ad ulteriori ribassi.

In un solo giorno (lunedì 20 luglio) il metallo giallo ha perso oltre il 3%, la peggior perdita in una sola sessione dal settembre 2013. Un crollo avvenuto in soli 2 minuti, a causa delle vendite di 33 tonnellate di oro provenienti dalle borse di Shanghai e di New York.

Secondo Reuters, l’operazione di vendita è partita dalla Cina, dove alcuni operatori di mercato hanno ritenuto profittevole una manovra al ribasso per spingere i prezzi sotto i 1.100 dollari, in un momento di scarsi volumi sul mercato.

I tempi difficili per l’oro non sembrano ancora finiti e potremmo vederlo anche al di sotto dei 1.000 dollari all’oncia.

Le reazioni per questa ennesima discesa dell’oro non si sono fatte attendere troppo.

La Sprott Global Resource Investments ritiene che l’oro abbia ormai perso la guerra con il dollaro statunitense e che il fondo non sia ancora stato toccato.

Il dealer londinese Sharps Pixley, pur ammettendo la disfatta dell’oro, conserva un po’ di ottimismo. Il dollaro forte e l’aumento dei tassi di interesse rendono gli investimenti in oro meno attraenti rispetto ad altre attività fruttifere. Tutte considerazioni che attualmente sono scontate nel prezzo dell’oro e che permettono agli investitori di comprare oro ben al di sotto del costo dei produzione.


tempi difficili per l’oro non sembrano ancora finiti e, secondo alcuni analisti, potremmo vederlo anche al di sotto dei 1.000 dollari all’oncia.

In questi periodi, la domanda che molti investitori si stanno facendo è “conviene approfittare dei cali per acquistare oro a prezzi convenienti o è meglio aspettare?“. Una domanda che difficilmente avrà un risposta in questi momenti dove, anche gli esperti del settore sono assai incerti sulle prospettive a breve termine del metallo giallo e ancor di più sui tempi che ci vorranno per raggiungere i prossimi livelli, che con ogni probabilità saranno verso il basso.

METALLIRARI.COM cc SOME RIGHTS RESERVED

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to a friend