Petrolio a 30 dollari per il Ministro russo dell’Energia

Siamo alla vigilia di una brusca frenata dei prezzi del petrolio? Il ministro russo dell’Energia non lo esclude per nulla.

Petrolio a 30 dollari per il Ministro russo dell'Energia

C’è il rischio che i prezzi del petrolio scendano ad un minimo di 30 dollari al barile entro fine anno. L’allarme è stato lanciato da Alexander Novak, ministro russo dell’Energia.

Secondo il ministro russo, l’OPEC e i suoi alleati (tra i quali c’è anche la Russia) potrebbero produrre più petrolio entro la fine dell’anno rispetto alla domanda del mercato. La data che potrebbe essere catastrofica per i prezzi del petrolio è la fine di giugno. Infatti, allora scadranno gli accordi OPEC circa il taglio alla produzione.

Lo spettro di un brusco calo dei prezzi

Se i partner OPEC non riuscissero ad accordarsi sull’estensione dei tagli alla produzione non è da escludere uno scenario di brusco calo dei prezzi. Una eventualità favorita anche dalla guerra commerciale in corso tra USA e Cina che sta portando ad un rallentamento economico globale.

Secondo Reuters, ci sono grossi rischi di sovrapproduzione ma, a detta del ministro dell’Energia dell’Arabia Saudita Khalid al-Falih, l’OPEC sta per raggiungere un accordo per estendere l’accordo sul taglio della produzione oltre giugno.

La questione centrale per capire quanto sta accadendo tra i produttori di petrolio è che la Russia non ha bisogno che i prezzi del petrolio siano troppo alti e, come ha detto recentemente Putin, sarebbe soddisfatta di un prezzo tra 60 e 65 dollari al barile.

Sotto gli 85 dollari il bilancio dell’Arabia Saudita va in rosso

Ma l’Arabia Saudita ha bisogno che il petrolio valga almeno 85 dollari per riuscire a far quadrare i propri bilanci.

Naturalmente, questi interessi contrastanti creano un disaccordo tra i due paesi leader tra i produttori di petrolio.

L’Arabia Saudita, dalle ultime dichiarazioni del ministro dell’Energia, sembra fiduciosa che la Russia si disporrà a favore dell’estensione degli accordi per mantenere i tagli alla produzione di petrolio anche per i prossimi mesi.

METALLIRARI.COM © SOME RIGHTS RESERVED

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Send this to a friend