Metalli Rari

Perchè non possiamo fare a meno del cobalto

I numerosi impieghi di questo metallo, lo rendono indispensabile per la nostra civiltà e, al momento, non esistono valide alternative per sostituirlo.

Il cobalto è un metallo conosciuto fin dai tempi degli antichi egizi, che lo impiegavano nel 2000 a.c. come colorante e, ancor oggi, è tra i minerali più importanti per l’uomo.

La sua capacità di mantenere la propria resistenza anche alle alte temperature, lo rende ideale per la produzione di utensili da taglio, super-leghe, rivestimenti superficiali, acciai speciali e per molte altre applicazioni. Il metallo è anche un elemento essenziale nel metabolismo degli esseri umani e di molti animali; per esempio viene utilizzato anche nel concimare terreni poveri di cobalto per prevenire la malattia del dimagrimento negli animali da pascolo.

Una delle principali applicazioni del cobalto è nelle batterie ricaricabili, la cui domanda è aumentata notevolmente nel corso degli ultimi venti anni

Una delle principali applicazioni è nelle batterie ricaricabili, la cui domanda è aumentata notevolmente nel corso degli ultimi venti anni. Se si pensa che a metà degli anni ’90, solo l’uno per cento del cobalto estratto veniva impiegato in elettronica e lo si confronta con oggi, dove viene impiegato circa il 35%, si comprende meglio il trend di crescita nell’utilizzo di questo metallo. La quantità di cobalto impiegata in elettronica è destinata a salire anche durante i prossimi anni, a causa dell’aumento della domanda di telefoni cellulari, auto elettriche e tutti quei dispositivi che necessitano di batterie ricaricabili.

Le prime versioni di batterie al nichel o di batterie al litio, avevano problemi di scarsa durata le prime e di eccessiva reattività le seconde (le batterie si incendiavano). L’aggiunta di cobalto ha permesso di risolvere molti di questi problemi e le batterie al litio, per esempio, contengono fino al 60% di questo metallo per ogni cella.


Infine una curiosità. Esiste un isotopo del cobalto, chiamato cobalto60, che è un potente emettitore di raggi gamma e  per questo motivo viene impiegato in alcune armi nucleari per aumentare le radiazioni nell’ambiente attraverso il cosiddetto fall-out, la ricaduta radioattiva sotto forma di cenere e pulviscolo.

L’aumento della domanda di dispositivi elettronici basati su batterie ricaricabili, ha portato a forti aumenti delle quotazioni negli ultimi 10 anni. Nonostante gli sforzi di trovare qualche sostituto del cobalto per far fronte ad una domanda in rapida crescita, gli addetti ai lavori prevedono che la domanda di minerale aumenterà drasticamente nel prossimo decennio.

METALLIRARI.COM © RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to a friend