Mercati

L’oro è rimbalzato del 9 percento. Durerà?

Quest’anno i prezzi dell’oro sono cresciuti del 9%. Ma nei prossimi mesi riusciranno a mantenere questo ritmo?

Dopo l’elezione di Donald Trump a Presidente degli Stati Uniti, i prezzi dell’oro hanno cominciato a scendere.

Ma nel 2017 hanno invertito marcia e, fino ad ora, hanno messo a segno un significativo +9%. Anche se il rafforzamento del dollaro e una crescita economica più forte allontanano gli investitori dai beni rifugio, c’è qualcosa che sostiene questa riscossa dell’oro? O, come dice qualcuno, si tratta soltanto di un rimbalzo che non durerà a lungo?

L’ipotesi del rimbalzo non è sorprendente visto che, in precedenza, il metallo giallo aveva perso 180 dollari in meno di due mesi. Dopo una discesa del genere è normale vedere un rimbalzo, dal momento che molti investitori sfruttano la possibilità di acquistare a prezzi scontati.

Se le quotazioni dovessero superare i 1.300 dollari, allora si potrebbe parlare di qualcosa di più di un rimbalzo

Certamente, se le quotazioni dovessero superare i 1.300 dollari, allora si potrebbe parlare di qualcosa di più di un rimbalzo.

Guardando ai fondamentali, il fattore che ha maggiormente contributo al recente buon andamento dell’oro è l’indebolimento del dollaro americano, dopo il rally nel corso dell’ultimo trimestre del 2016. Anche se è certo che la FED aumenterà i tassi d’interesse, gli analisti dubitano che ciò avverrà nella prossima riunione di marzo. Tassi più elevati tendono a pesare sull’oro, poiché il metallo prezioso diventa meno attraente rispetto ad altre attività fruttifere.


Inoltre, l’indice azionario S&P500, che ha toccato i massimi da sempre, non è di certo un aiuto per i metalli preziosi, soprattutto in un contesto politico nel quale Trump ha promesso una riforma fiscale e tagli normativi. In altre parole, l’ottimismo che si sta creando tra gli investitori potrebbe sostenere a lungo gli indici azionari a discapito dei beni rifugio.

Per chi investe in oro la cautela è d’obbligo per i prossimi mesi, poiché il recente rialzo dei prezzi potrebbe rivelarsi un rimbalzo senza futuro. I mercati azionari in espansione e la forza del dollaro rimarranno i principali fattori che incatenano i prezzi dei metalli preziosi.

METALLIRARI.COM © SOME RIGHTS RESERVED

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to a friend