Mercati

Nasce in Giappone la prima isola verde dell’energia

Una nuova tecnologia per immagazzinare energia su grande scala, consentirà al Giappone di realizzare un progetto mai visto prima.

L’hanno già battezzata come l’isola dell’energia verde, da quando il governo giapponese ha deciso di installare un sistema di stoccaggio delle batterie di grandi dimensioni a Hokkaido, l’isola più a nord del Giappone.

Verrà sfruttata la potenza del vento e del sole utilizzando la tecnologia redox con batterie al vanadio.

Le batterie di flusso al vanadio (“Batterie al vanadio per l’energia verde“) sono grandi serbatoi riempiti di liquido che sono usati per immagazzinare energia per la rete elettrica. Le batterie forniscono soluzioni economiche per le società che producono e distribuiscono energia elettrica da energia eolica e solare. Le batterie di flusso al vanadio possono essere utilizzate per immagazzinare energia verde e rilasciarla nei momenti in cui si verificano i picchi della domanda.


Tutte le aziende impegnate nella produzione di vanadio hanno attivato nuovi progetti per ampliare la loro capacità produttiva in vista di un aumento della domanda previsto nei prossimi anni, anche grazie all’affermazione della nuova tecnologia delle batterie redox. Per esempio, la Largo Resources, ha annunciato che il progetto per produrre vanadio dalla miniera a cielo aperto a Bahia (Brasile), arriverà al traguardo alla fine di quest’anno, in linea con quanto previsto.

L’energia verde dalle fonti rinnovabili potrà assumere un ruolo centrale nel sistema energetico mondiale se verranno risolti. in modo economico, i problemi legati all’immagazzinamento e alla distribuzione. Le batterie redox potrebbero esser la chiave di volta.

METALLIRARI.COM © RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to a friend