Tecnologia e Scienza

La nuova mobilità urbana si chiama “auto elettrica da quartiere”

L’auto elettrica da quartiere è un nuovo tipo di veicolo a batteria che permette di vivere la mobilità urbana senza alcuna emissione inquinante.

I veicoli elettrici a batteria consentono di viaggiare a senza emissioni inquinanti e stanno cambiando radicalmente il modo in cui la gente pensa alla mobilità.

In particolare, l’auto elettrica da quartiere (Neighborhood Electric Vehicle o NEV) hanno tutto il potenziale per riuscire a cambiare definitivamente il rapporto tra la mobilità urbana e l’ambiente.

Ma cosa sono le auto elettriche da quartiere? Facciamo un passo indietro.

I veicoli elettrici a batteria sono alimentati da energia elettrica proveniente da una fonte esterna che viene immagazzinata nella batteria dell’auto. Naturalmente, questo tipo di mobilità presenta notevoli vantaggi per l’ambiente. Ad esempio, oltre ad eliminare le emissioni di CO2, riduce anche i costi del carburante e della manutenzione.

Un difetto dei veicoli elettrici a batteria è che devono essere ricaricati più frequentemente rispetto alle automobili tradizionali

In un numero crescente di paesi in tutto il mondo, esistono programmi governativi che permettono ai proprietari di veicoli elettrici di beneficiare di significativi sconti in linea con una politica di sovvenzioni per i veicoli ecologici alternativi ai tradizionali mezzi alimentati da idrocarburi. Sostegni governativi che hanno portato il mercato delle batterie per auto elettriche a progressi visibili negli ultimi anni.

Sono ormai numerose le automobili elettriche a batteria disponibili sul mercato: BMW i3, Ford Focus Electric, Mitsubishi i-MiEV Nissan LEAF, solo per citarne alcune. Con Tesla Motors, Kia  e Chevrolet che hanno la leadership del settore.

Tuttavia, a fronte di molti vantaggi, un difetto dei veicoli elettrici a batteria è che devono essere ricaricati più frequentemente rispetto alle automobili tradizionali.

Un veicolo elettrico a batteria può viaggiare tra i 140 e i 180 chilometri tra una ricarica e l’altra, mentre un auto a benzina può viaggiare almeno per 500 chilometri. È probabile che questa differenza si attenuerà con il tempo, così come indicano i recenti miglioramenti della durata delle batterie che dovrebbero aumentare la loro autonomia tra i 300 e i 400 chilometri.


In questo contesto si inseriscono le auto elettriche da quartiere, piccoli veicoli dal peso di circa 1.500 chilogrammi e progettati per l’uso a bassa velocità nei quartieri urbani. Possono viaggiare a non più di 40 chilometri all’ora, con delle limitazioni di circolazione sulle strade a scorrimento veloce. Non hanno problemi di durata delle batterie, poichè l’impiego urbano, spesso su corsie o strade dedicate, permette almeno un’intera giornata di autonomia.

Questi nuovi mezzi hanno iniziato a diffondersi soprattutto in Nord America e stanno cambiando il modo di pensare il trasporto all’interno dei centri urbani. Ma c’è da scommettere che anche in Europa, dove il sistema viario di molte città, per sua natura e conformazione, consente una mobilità a bassa velocità, troveranno una calorosa accoglienza.

METALLIRARI.COM cc SOME RIGHTS RESERVED 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to a friend