Metalli Preziosi

Il mercato dell’oro in Brasile

L’industria mineraria brasiliana è la locomotiva dell’economia nazionale e l’oro, anche se non raggiunge i livelli dei primi paesi del mondo, fa la sua parte.

Il mercato dell'oro in Brasile

La storia dell’oro in un paese come il Brasile ha radici molto profonde, che partono dal 1700. Fu allora che un gruppo di schiavi indiani, meticci e portoghesi si unirono alla ricerca di oro, abbandonando le piantagioni e le città. Il fenomeno coinvolse circa un milione di persone tra portoghesi e schiavi africani.

Da allora l’estrazione mineraria ha costituito l’asse portante di tutta l’economia brasiliana, la più grande dell’America Latina e la sesta più importante del mondo. Minerali di ferro, rame, bauxite e oro costituiscono circa il 20% delle esportazioni del Brasile. La produzione di oro ammonta a circa 50 tonnellate all’anno.

Secondo il US Geological Survey, la produzione aurea brasiliana nel 2011, ultimo anno disponibile, ammontava a 60 tonnellate, in calo del 3% rispetto all’anno precedente.

La legislazione mineraria brasiliana è sempre stata favorevole agli investitori

La legislazione mineraria brasiliana è sempre stata assai favorevole agli investitori poiché il nazionalismo delle risorse non ha mai costituito un problema.

Ma la nuova riforma approvata all’inizio di quest’anno ha creato una crisi di fiducia tra le aziende minerarie e gli investitori, a causa del timore di un aumento dei costi e dalla diminuzione dei ricavi, proprio in coincidenza con il rallentamento dell’economia cinese, che costituisce uno dei principali clienti delle esportazioni dei minerali del Brasile.


La nuova legge prevede un raddoppio delle royalties al 4% e un inasprimento per le concessioni minerarie, anche se non prevede una tassa sui profitti come in Ecuador. Inoltre, le royalties brasiliane sono ancora basse rispetto agli standard internazionali, considerando che in Australia le stesse raggiungono il 12%.

I principali produttori operanti sul territorio brasilaino sono tre:

  • Kinross Gold – gestisce la miniera a cielo aperto nei pressi della città di Paracutu, a circa 230 km dalla capitale Brasilia. La miniera rimarrà attiva fino al 2042 e la produzione è prevista triplicare per i prossimi anni. È la miniera più grande del Brasile.
  • AngloGold Ashanti – Possiede due complessi minerari, Cuiabá e Córrego do Sítio, oltre a tre miniere sotterranee a Serra Grande.
  • Yamana Gold – Possiede la miniere a cielo aperto d’oro e di rame di Chapada in Goiás.

METALLIRARI.COM © RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to a friend