Mercati

Il mercato dell’auto aiuta i prezzi del magnesio

I prezzi del magnesio stanno attraversando una fase calante, ma dal mercato dell’auto americano arrivano segnali che potrebbero invertire questa tendenza.

I prezzi del magnesio sono scesi verso il basso a causa di un eccesso di offerta.

Ma le cattive notizie per questo metallo impiegato nella produzione dell’acciaio, in lega con l’alluminio, per componenti strutturali nell’industria missilistica ed aeronautica, sembrano stiano per finire. Infatti negli Stati Uniti la domanda di magnesio sembra in crescita, sostenuta da un mercato automobilistico che ha registrato un’aumento delle vendite.

Il magnesio è utilizzato nel settore automobilistico, in misura crescente di anno in anno, per produrre carter protettivi, coperchi, corpi di pompe dell’olio, telai per i sedili e volanti. Per questi ultimi si impiega in genere la lega AM50, dotata di una elevata duttilità. Diverse scatole del cambio di ultima generazione sono in lega di magnesio. Di grande interesse tecnico è il recente sviluppo da parte della BMW, per alcuni suoi motori, di un basamento bimetallico, nel quale la parte strutturale è in lega di alluminio mentre le pareti esterne sono in lega di magnesio AJ62.

Di grande interesse tecnico è il recente sviluppo da parte della BMW di un basamento bimetallico

Nel corso del mese di aprile, le vendite di autoveicoli negli Stati Uniti sono aumentate del 8,5%, cosa che non succedeva dallo scorso ottobre. Secondo Reuters, le attese sulle vendite di aprile erano ancora maggiori, all’11%.

Anche se lo scenario americano va ben sperare, il prezzo del magnesio rimane sotto pressione a causa della debole domanda in tutto il resto del mondo. Molti consumatori sono frenati dall’acquisto per il timore degli effetti della crisi economica e perciò anche i rivenditori non si fidano a comprare troppi veicoli.


Attualmente le quotazioni del magnesio negli Stati Uniti, in purezza 99,9%, sono tra i 1,92 dollari/libbra ai 2,12 dollari/libbra, in discesa rispetto alle settimane precedenti.

Nel frattempo, l’industria siderurgica europea ha richiesto al London Metal Exchange (LME) di accorciare i tempi di consegna dello zinco e del magnesio depositati presso i magazzini di borsa. Secondo alcuni importanti consumatori di metalli industriali, la consegna dei metalli viene artificiosamente rallentata per sostenere i prezzi. Se non ci fosse questa penuria manovrata, il mercato potrebbe liberamente muoversi secondo le leggi della domanda e dell’offerta. Un modo per dire che, senza gli interventi del London Metal Exchange, i prezzi scenderebbero ulteriormente.

METALLIRARI.COM © SOME RIGHTS RESERVED

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to a friend