Mercati

Il 2013 sarà l’anno dell’auto elettrica?

Le principali case automobilistiche si accingono a lanciare i nuovi modelli elettrici, alimentati con batterie agli ioni di litio.

bmw serie i

Per il 2013 sono previste vendite per circa  210.00 veicoli elettrici, con più di 36 nuovi modelli sul mercato. Le previsioni si basano su uno studio della Pike Reasearch. Secondo un’altra indagine, questa volta della IHS Automative, la produzione di veicoli elettrici potrebbe crescere di una percentuale maggiore dell’800%, raggiungendo i 960.000 veicoli, entro il 2018. 

La Nissan ha recentemente annunciato che l’aggiornamento della Leaf durante il 2013, prevede un equipaggiamento con batterie al litio, prodotte nel nuovissimo impianto di Smyrna, nel Tennessee. La fabbrica è la più grande degli Stati Uniti per la produzione di batterie agli ioni di litio e ha ricevuto importanti finanziamenti dal governo americano. L’impianto è in grado di produrre batterie per ben 200.000 veicoli all’anno. Anche la nuovissima Infiniti M35h, berlina di lusso della Nisssan, avrà batterie prodotte nel nuovo stabilimento americano.

La General Motors non sarà da meno. Nel 2014 è previsto il debutto per la lussuosa coupè Cadillac ELR, con un motore a quattro cilindri come generatore e una batteria agli ioni di litio.

Anche Volkswagen, con i suoi 9 miliardi di dollari investiti annualmente in ricerca e sviluppo, ha puntato sulla mobilità elettrica. Per il 2014 ha previsto di allargare la propria offerta di autovetture elettriche alla Porsche Panamera, Porsche Cayenne, Spider 918, Golf, Passat e Audi Q7. La versione elettrica per Audi A8 e A6, è prevista per gli anni successivi.


Ford lancierà sul mercato nel 2013 la Fusion Hybrib, la Fusion Energy PHEV, la C-MAX Ibrida, la C-Max Energy PHEV e la Focus Electric.

La BMW avrà la sua prima auto completamente elettrica alla fine del 2013, la coupè i3. Con una carrozzeria in fibra di carbonio e una batteria agli ioni di litio, sarà un’auto in linea con il prestigio della casa tedesca.

METALLIRARI.COM © RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to a friend