Energia

Energia pulita dal magnesio, da qui all’eternità

Il magnesio potrebbe soddisfare i fabbisogni energetici di tutta l’umanità, come da tempo predica, inascoltato, uno sconosciuto scienziato giapponese.

Sul nostro pianeta abbiamo abbastanza magnesio per soddisfare i fabbisogni energetici mondiali per i prossimi 300.000 anni, come va predicando durante le sue conferenze il dottor Takashi Yabe, del Tokyo Institute of Technology.

Il magnesio è un metallo molto abbondante sulla terra, ma produrlo è un processo che non è né economico, né pulito. Esistono al momento diverse metodologie per estrarlo, che vanno dal processo Pidgeon al processo elettrolitico.

Relativamente al primo processo, il dottor Yabe ha messo a punto una soluzione per raggiungere alte temperatura attraverso una combinazione di collettori solari e un laser a pompa-solare per raggiungere una temperatura di 3.700 gradi centigradi. Questo sistema viene utilizzato per bruciare ossido di magnesio, che viene estratto dall’acqua di mare. Il laser ad energia solare è necessario per aiutare ad ottenere questa temperatura perché i collettori solari non sarebbero sufficiente a generare 3.700 °C.

Gli ingegneri della MagPower hanno sviluppato delle celle aria-metallo che utilizzano acqua ed aria prese dall’ambiente

Per quanto riguarda il secondo metodo per estrarre magnesio, gli ingegneri della MagPower hanno sviluppato delle celle aria-metallo che utilizzano acqua ed aria prese dall’ambiente, per reagire con un anodo di magnesio e generare elettricità. Il dottor Doron Aurbach dell’università israeliana di Bar-Ilan, ha realizzato una versione al magnesio delle celle agli ioni di litio ricaricabile, che costituiscono le batterie utilizzate per esempio nei telefoni cellulari.

Il MAFC (celle a combustibile aria-magnesio) ha la versatilità di utilizzo di un comune elettrolita a soluzione salina (sale) o con acqua dell’oceano. Ma le prestazioni del sistema MAFC possono essere ulteriormente migliorata attraverso l’aggiunta di inibitori di idrogeno. Il sistema deve ancora essere perfezionato e soprattutto ci sono ancora una serie di problemi da risolvere a riguardo del controllo del processo.


Il magnesio è un metallo altamente reattivo e può immagazzinare moltissima energia. Non rimane ai ricercatori che trovare un modo per estrarre energia dal metallo in modo più controllato ed efficiente.

Anche queste tecnologie potrebbero riservarci della sorprese per i nostri fabbisogni energetici del futuro.

METALLIRARI.COM cc SOME RIGHTS RESERVED 

2 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to a friend