Mercati

Conseguenze della Brexit per i metalli industriali

Croce e dolore della democrazia, l’esito del referendum inglese sull’uscita del paese dall’Unione Europea non promette niente di buono per il mercato dei metalli industriali.

Conseguenze della Brexit per i metalli industriali

Si potrebbe discutere a lungo sui rischi della democrazia quando viene esercitata attraverso strumenti diretti come il referendum e su temi complessi come quelli economici, soprattutto se in periodi di crisi e di instabilità, mentre l’infelicità delle persone tende a privilegiare le scorciatoie a breve termine rispetto a soluzioni che abbracciano il bene di un paese in un ottica più generale.

D’altronde, la pratica referendaria è la pretesa di volere distillare questioni complesse in una semplice scelta. Data la complessità delle questioni economiche di una nazione, il cittadino medio difficilmente ha le conoscenze o il tempo per prendere una decisione informata su ciò che è meglio per lui e per tutta la nazione.

La Brexit sembra un caso esemplare di tutto ciò. I britannici, in un contesto economico locale negativo, pensano di risolvere i loro problemi accusando gli stranieri che attraversano i loro confini grazie alla mancanza di frontiere tra stati dell’Unione Europea, di essere i responsabili delle difficoltà economiche inglesi.

Tuttavia, la scelta del Regno Unito di abbandonare l’Unione Europea è ormai definitiva e non ci rimane che concentrarci su cosa questo significherà per il mercato dei metalli industriali.

I mercati iniziano a rendersi conto dei rischi di altri referendum per l’Europa nel suo complesso

A breve termine il dollaro americano è atteso rafforzarsi, cosa già in atto in questi giorni, insieme al crollo della sterlina e alla discesa dell’euro. Come ben sanno gli operatori del settore, un dollaro forte non è mai una buona cosa per i prezzi dei metalli. Più il dollaro si rafforza e più le materie prime si indeboliscono.

È probabile che l’euro e la sterlina inglese continueranno a scendere nei prossimi mesi, mentre i mercati iniziano a rendersi conto dei rischi di altri referendum per l’Europa nel suo complesso.

All’indomani della Brexit, sui mercati azionari globali abbiamo assistito a vendite diffuse e generalizzate, in un clima di incertezza e con i profitti delle imprese in calo. Anche se la correlazione tra mercati azionari e prezzi dei metalli non è sempre forte, è difficile immaginare un’aumento dei prezzi dei metalli industriali mentre le persone perdono la loro fiducia nell’economia e mentre i mercati azionari crollano.

Insomma, nel breve termine è assai probabile che assisteremo ad una discesa dei prezzi dei metalli e delle materie prime in generale.

E nel medio termine? Certo è sempre difficile fare previsioni lontane ma vale comunque la pena arrischiare qualche ipotesi, Come quella di immaginare che la Federal Reserve americana (FED), per tenere a bada un dollaro troppo forte, decida di portare i tassi in territorio negativo, come altre banche centrali hanno già fatto di recente. In un simile scenario, il dollaro potrebbe indebolirsi contribuendo a rilanciare i mercati dei metalli industriali, con i prezzi che recuperano terreno.


Tuttavia, al di là della Brexit, il vero grande nodo da risolvere per il mercato è quello di una significativa riduzione delle quantità prodotte. Fino a che ciò non avverrà, è illusorio attendersi prezzi in salita duratura.

Certamente, i prossimi mesi saranno difficili per tutti gli acquirenti di metalli industriali, che dovranno monitorare con estrema attenzione tutti gli umori di un mercato sempre più volatile.

METALLIRARI.COM cc SOME RIGHTS RESERVED 

AGGIUNGI UN COMMENTO

Inserisci il primo commento!

Avvisi:
avatar
wpDiscuz

Send this to friend