Mercati

Come è stato il 2017 per il nichel?

Come è stato il 2017 per il nichel? Ecco cosa ha mosso i prezzi del metallo nell’anno che sta per finire e cosa attendersi per il prossimo.

Alla fine del 2016, il nichel veniva scambiato a 10.010 dollari per tonnellata e molti osservatori di mercato parlavano di un aumento dei prezzi a fronte di una crescita della domanda e di un’offerta che scarseggiava.

Ma cosa è successo davvero nei 12 mesi successivi? Le previsioni si sono avverate? Andiamo a vedere…

L’anno è iniziato con il  governo indonesiano che ha annunciato l’intenzione di allentare il divieto per le esportazioni di minerale di nichel. Nel frattempo la produzione di Nickel Pig Iron (PIG) in Cina continuava a scendere.

A febbraio i prezzi del nichel schizzavano verso l’alto dopo che il Ministero dell’Ambiente delle Filippine aveva ordinato la chiusura di oltre la metà delle miniere del paese, in seguito a crescenti preoccupazioni ambientali. Le Filippine sono il primo produttore mondiale di nichel e, non appena il governo si è dimostrato indeciso sul da farsi, i prezzi del metallo sono scesi per le preoccupazioni che le miniere del paese potessero riprendere l’attività.

La discesa dei prezzi è arrivata a 8.700 dollari per tonnellata a inizio giugno

La discesa dei prezzi è arrivata a 8.700 dollari per tonnellata a inizio giugno, 10% in meno del valore di inizio anno, soprattutto a causa dell‘indebolimento della domanda cinese di acciaio.

Con prezzi del genere, anche le grosse società minerarie del settore si sono trovate a perdere soldi e a rivedere tutti i progetti in corso. Una tendenza che avrebbe costretto i produttori ad abbandonare il settore, con una conseguente riduzione dell’offerta.

Ma mese dopo mese, il nichel ha cominciato a ricevere sempre più attenzioni per il suo impiego nelle batterie agli ioni di litio, quelle usate per alimentare i veicoli elettrici.

In agosto, la ditta coreana SK Innovation ha iniziato la produzione commerciale di batterie al litio di medie e grandi dimensioni composte da nichel per l’80%, cobalto per il 10% e manganese per un altro 10%. Uno sforzo per ridurre le quantità di cobalto impiegate a favore del nichel.

A ottobre alcuni analisti sottolineano che la graduale riduzione delle scorte di nichel spingerà verso l’alto i prezzi del nichel. Ma anche il sempre maggiore entusiasmo per le vendite di veicoli elettrici, sarà un propellente per le quotazioni del metallo siderurgico.

E il 1° novembre, i prezzi del nichel raggiungono i 13.030 dollari, il massimo dal giugno 2015, con un +10% in una sola settimana.


Quando il governo filippino comunica che sta rivedendo la questione delle miniere chiuse e che queste avranno il diritto di riaprire, probabilmente a partire dal nuovo anno, i prezzi del nichel reagiscono male e, a inizio dicembre, si ridimensionano a 11.230 dollari, il 12% in meno di un mese prima ma pur sempre quasi il 13% in più di inizio anno.

Con ogni probabilità, il 2017 si chiuderà con un deficit di nichel e con un prezzo medio dell’anno intorno ai 10.400 dollari. Di fatto, la produzione di metallo è aumentata nel corso dell’anno, così come i consumi. Tutte considerazioni che fanno ben sperare per il nuovo anno che sta arrivando.

METALLIRARI.COM © SOME RIGHTS RESERVED

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to a friend