Mercati

Ci sarà un rally nella domanda di fertilizzanti?

Attese ottimistiche sul mercato dei fertilizzanti per i prossimi mesi, dopo un’inizio d’anno in depressione. Anche in questo settore, trattandosi di risorse naturali, la protagonista è la Cina.

Nel 2050 la popolazione mondiale raggiungerà i 9 miliardi di persone, cosa che rende del tutto evidente che il mondo ha bisogno di produrre più cibo per riuscire a sfamare tutte le bocche.

Tuttavia, l’aumento della popolazione significa anche una sempre maggiore urbanizzazione e sempre meno terreni agricoli da coltivare. Un problema la cui unica soluzione è quella di aumentare la produttività dei raccolti, possibilità legata a doppio filo con un mercato spesso trascurato e poco conosciuto dagli investitori: quello dei fertilizzanti (“Introduzione ai fertilizzanti“).

Ma come sta andando il mercato dei fertilizzanti? I primi 6 mesi dell’anno hanno registrato una domanda assai debole a livello globale, ma per i prossimi mesi gli operatori sembrano ottimisti.

Secondo Potash Corporation of Saskatchewan, la domanda a breve termine di potassa sarà sostenuta soprattutto dal Nord America, grazie alle forti necessità agronomiche. A lungo termine, la domanda complessiva di potassa continuerà ad aumentare quando gli agricoltori inizieranno ad usare fertilizzanti in modo equilibrato.

Le esportazioni di prodotti agricoli degli Stati Uniti verso la Cina sono aumentate di 10 volte rispetto al 1990

Ma anche il mercato brasiliano, che ha rallentato nella prima parte del 2015, è previsto crescere con un conseguente aumento del prezzo della potassa. Inoltre, il recente programma governativo per dare un accesso privilegiato al credito per gli agricoltori dovrebbero sostenere la domanda agricola.


E il mercato cinese? Anche la Cina è rimasta depressa durante la prima metà dell’anno e l’ultimo trimestre ha segnato un minimo da sei anni a questa parte. Tuttavia, l’industria agricola del paese è rimasta forte così come la necessità di importazioni di prodotti agricoli. Infatti, le importazioni cinesi si sono evolute in modo inaspettato e, per questo, difficilmente prevedibile. Per esempio, considerando soltanto gli Stati Uniti, divenuto il principale fornitore, le esportazioni di prodotti agricoli verso la Cina sono aumentate di 10 volte rispetto al 1990.

Tutta una serie di fattori che, anche senza alcuna sfera di cristallo per prevedere il futuro, fanno pensare ad un‘evoluzione positiva per il mercato della potassa e dei fertilizzanti in genere.

METALLIRARI.COM cc SOME RIGHTS RESERVED 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to a friend